Dipartimento federale di giustizia e polizia

Adeguamento delle strutture a seguito del calo delle domande d’asilo

Il Consiglio federale apre la procedura di consultazione

Comunicati, DFGP, 14.09.2005

Berna, 14.09.2005. Tra gennaio e agosto 2005 si è registrato un numero di nuove domande d’asilo inferiore del 40 per cento circa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Grazie ad un’applicazione coerente della legge sull’asilo e grazie alla sua revisione il numero delle domande d’asilo dovrebbe continuare a calare. Ciò consente di procedere ad adeguamenti strutturali e organizzativi nel contesto della legge sull’asilo vigente. Occorre inoltre migliorare l’ancora insoddisfacente esecuzione degli allontanamenti. Il Consiglio federale ha aperto in data odierna la procedura di consultazione concernente la modifica dell’ordinanza sull’asilo relativa alle questioni finanziarie e di altre ordinanze.

Il forte calo delle domande d’asilo consente adeguamenti strutturali e organizzativi da realizzare, mediante modifica delle pertinenti ordinanze, nel contesto della legge sull’asilo vigente.

Gli adeguamenti in sintesi
  • Occorre accelerare la procedura d’asilo e sfruttare meglio i centri di registrazione. L’obiettivo è, almeno nei casi semplici, di emanare le decisioni d’asilo per quanto possibile nei centri di registrazione. La durata massima del soggiorno per le persone con più di 14 anni dovrà pertanto essere portata da 30 a 60 giorni.
  • L’importo forfettario versato dalla Confederazione ai Cantoni per le spese di servizio sociale sarà adeguato alle minori mansioni a carico delle infrastrutture.
  • L’accesso al mercato del lavoro per le persone ammesse a titolo provvisorio sarà agevolato, al fine di diminuirne la dipendenza dall’aiuto sociale.
  • Al Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) verrà attribuita la competenza di concludere con altri Stati, d’intesa con il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), accordi volti a disciplinare dal profilo organizzativo la riammissione dei rispettivi cittadini per facilitare la partenza di richiedenti l’asilo respinti.
  • Sarà esteso l’aiuto al ritorno alle persone che non hanno ancora ottenuto una decisione di non entrata nel merito passata in giudicato (NEM) o il cui termine di partenza è scaduto, allo scopo di accrescere la loro disponibilità a lasciare volontariamente la Svizzera.
    Queste modifiche si basano sulla legge d’asilo attualmente in vigore.

Diminuisce il numero delle domande d’asilo

Nel 2004 il numero delle nuove domande d’asilo depositate in Svizzera è diminuito nettamente, passando dalle oltre 20'000 domande annuali degli ultimi anni a sole 14'248. Anche nell’anno in corso si osserva un ulteriore calo: sino alla fine del mese d’agosto, 6'375 persone hanno depositato una domanda d’asilo, ovvero il 39,7 per cento in meno rispetto allo scorso anno. L’Ufficio federale della migrazione (UFM) prevede che nel 2005 saranno depositate complessivamente circa 10'000 nuove domande.

Il calo delle domande, di netto superiore alla media europea, è riconducibile al blocco dell’aiuto sociale ai NEM, ai più brevi tempi di disbrigo delle domande e ad una coerente esecuzione degli allontanamenti.

Contatto / informazioni
Ufficio federale della migrazione, T +41 58 465 11 11, Contatto