Richiedenti l'asilo rumeni rientrano spontaneamente nel loro Paese

Comunicati, UFM, 25.05.2007

Berna-Wabern. Circa 150 richiedenti l'asilo di origine rumena hanno deciso di loro volontà di rientrare nel proprio Paese. Nella maggior parte dei casi hanno ritirato la loro domanda d'asilo. Per una parte più piccola di loro si è deciso di non entrare nel merito della domanda, visto che la Romania rientra nel gruppo degli Stati sicuri ("Safe Country"). I richiedenti l'asilo sono partiti il 25 maggio 2007 con un volo charter alla volta di Bucarest.

A metà maggio 2007 il numero di cittadini rumeni che alloggiavano nei Centri di registrazione e di procedura dell'Ufficio federale della migrazione (UFM) in quanto richiedenti l'asilo ammontava a 284. La maggior parte appartiene all'etnia rom.

Negli ultimi anni il numero dei richiedenti l'asilo di origine rumena era in continuo calo. Nel 2006 sono state presentate 15 nuove domande. Dal 1°gennaio al 30 aprile 2007 il numero è aumentato raggiungendo 205 nuove domande.

Due sono i motivi alla base di questo sensibile aumento: da un canto, le difficili condizioni di vita sia economiche sia sociali nei Comuni d'origine. In secondo luogo le condizioni di vita molto favorevoli in Svizzera e la concessione dell'aiuto al ritorno di cui avrebbero sentito parlare i richiedenti l'asilo. Visto il forte aumento del numero delle domande d'asilo provenienti dalla Romania, l'UFM ha deciso, il 7 maggio scorso, di non concedere più un aiuto al ritorno alle persone provenienti dai Paesi UE.

Il 25 maggio 2007 è stato organizzato un volo charter che ha portato i richiedenti l'asilo rumeni a Bucarest. Il viaggio di rientro è stato organizzato in collaborazione con l"'Organizzazione internazionale per la migrazione" (OIM). Ogni richiedenti ha ricevuto un importo pari a 30 Euro per adulto e a 15 Euro per minorenne.

Contatto / informazioni
Ufficio federale della migrazione, T +41 58 465 11 11, Contatto