Attualità

Form di ricerca
Tipo di documento

Oggetti 1 - 10 di molti


Comunicati (20.10.2014 - UFM)

Partecipazione al Fondo Schengen per la sicurezza interna: avviati i negoziati

Berna. Oggi a Bruxelles sono stati avviati i negoziati per la partecipazione della Svizzera al Fondo per la sicurezza interna nell'ambito della protezione delle frontiere nello spazio Schengen (ISF-Frontiere), che contribuisce a rendere più efficaci i controlli migliorando la protezione delle frontiere esterne. L’accordo aggiuntivo da negoziare definisce le modalità di partecipazione. I negoziati sono condotti di concerto con gli altri Stati associati, ossia Norvegia, Liechtenstein e Islanda.


Interviste (17.10.2014 - DFGP)

"Città più urbane non guasterebbero"

Tages-Anzeiger: "Il ministro di giustizia Simonetta Sommaruga ritiene che, premessa una buona pianificazione, la Svizzera sia perfettamente in grado di sopportare un’ulteriore crescita demografica."



Comunicati (16.10.2014 - UFM)

Ben integrati i residenti provenienti dalla Bosnia e Erzegovina

Berna. Le persone provenienti dalla Bosnia e Erzegovina residenti in Svizzera sono ben integrate. È quanto emerge dallo studio pubblicato oggi dall’Ufficio federale della migrazione UFM e dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC. Lo studio sulla popolazione della Bosnia e Erzegovina in Svizzera presenta i retroscena che fanno da sfondo alla storia migratoria, alla situazione socio-economica e alle reti di contatti di questo gruppo della popolazione e anche ai suoi rapporti con il Paese di provenienza.


Comunicati (14.10.2014 - DFGP)

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa Ecopop

Berna. Il Consiglio federale è contrario all’iniziativa popolare "Stop alla sovrappopolazione – sì alla conservazione delle basi naturali della vita", che pretende di conservare le basi vitali naturali. I problemi ambientali tuttavia non si risolvono adottando provvedimenti migratori e reimpostando la cooperazione allo sviluppo. Anzi, il Consiglio federale è convinto che il rigido ed esiguo tasso d’immigrazione produrrebbe effetti nocivi per l’economia svizzera. Accettando l’iniziativa, si minerebbero inoltre gli attuali sforzi intrapresi dal Consiglio federale per garantire relazioni buone e stabili con l’UE.



Comunicati (13.10.2014 - DFGP)

Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter ha ricevuto il presidente bulgaro Rosen Plevneliev

Berna. Lunedì 13 ottobre 2014, il presidente della Confederazione Didier Burkhalter ha ricevuto il presidente bulgaro Rosen Plevneliev in visita ufficiale in Svizzera. I colloqui sono stati incentrati sulle relazioni e la cooperazione tra il nostro Paese e la Bulgaria, in particolare nell’ambito della formazione professionale. L’incontro, al quale ha preso parte anche la consigliera federale Simonetta Sommaruga, ha permesso di dibattere dei temi della politica europea della Svizzera, del contributo svizzero all’allargamento, nonché di varie questioni inerenti all’attualità internazionale, in particolare legate all’OSCE, organizzazione presieduta dalla Svizzera nel 2014.


Comunicati (13.10.2014 - UFM)

Statistica sull’asilo terzo trimestre 2014

Berna. Dal luglio al settembre 2014 la Svizzera ha registrato 7825 domande d’asilo, ossia circa il 45 per cento in più rispetto alle 5384 registrate durante il secondo trimestre. Questo aumento va ricondotto al numero sempre forte di migranti che, dopo essere sbarcati sulle coste dell’Italia meridionale, hanno proseguito il loro periplo in direzione nord.


Comunicati (09.10.2014 - DFGP)

I ministri di giustizia e dell’interno adottano a Lussemburgo una strategia comune per affrontare gli afflussi eccezionali di profughi

Berna. Giovedì, la consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), ha partecipato a Lussemburgo al comitato misto Schengen del Consiglio dei ministri di giustizia e degli affari interni (Consiglio GAI). Al centro dell’incontro, le strategie per affrontare meglio i flussi migratori nello spazio Schengen e le misure nei confronti delle persone che hanno combattuto all’estero e rientrano in Europa (cosiddetti foreign fighters). Inoltre, la Svizzera e la Francia hanno firmato una convenzione per agevolare la cooperazione Dublino.

Oggetti 1 - 10 di molti