Misure più efficaci per una maggiore sicurezza interna

Stato dei lavori di revisione in seno al DFGP

Comunicati, DFGP, 22.12.2004

Berna, 22.12.04. Il Consiglio federale intende combattere con nuove misure la tifoseria violenta e la diffusione della propaganda violenta. Ha preso atto dei risultati della procedura di consultazione, decidendo in merito all'ulteriore procedura. In un secondo tempo il DFGP sottoporrà al Consiglio federale un progetto di consultazione per il miglioramento degli strumenti di prevenzione contro il terrorismo. Inoltre s'intende vietare l'esposizione in pubblico di simboli razzisti.

Gli sviluppi degli ultimi mesi e anni hanno dimostrato che il dispositivo giuridico svizzero non è in grado di far fronte alle singole forme di violenza e di terrorismo e va adeguato alle forme di minaccia odierne. Tale necessità è emersa anche da diversi interventi parlamentari. È dunque ora necessario rafforzare i mezzi a garanzia della sicurezza interna. La revisione del quadro normativo in tale ambito è attualmente all'ordine del giorno presso il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).

I lavori di revisione riguardano tre ambiti.

La legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI) va rivista in due tappe.
  • La prima revisione concerne il miglioramento delle misure contro la propaganda violenta e la violenza nel corso di manifestazioni sportive (LMSI I);
  • La seconda revisione concerne il rafforzamento della sicurezza interna grazie al miglioramento della prevenzione nel campo della protezione dello Stato, in particolare nella lotta al terrorismo (LMSI II);
  • Con una revisione del Codice penale s'intende inoltre introdurre una norma aggiuntiva per la lotta contro il razzismo: il divieto di simboli razzisti.
Il primo e il terzo ambito, erano finora riassunti in un unico avamprogetto inviato in consultazione presso i Cantoni e i partiti. Prendendo atto dei risultati della procedura di consultazione, il Consiglio federale ha deciso di suddividere l'avamprogetto in due progetti, per offrire maggiori garanzie di realizzazione degli obiettivi della revisione.

Misure contro la propaganda violenta e la violenza nel corso di manifestazioni sportive

Il primo progetto "legge federale concernente le misure contro la propaganda violenta e la violenza nel corso di manifestazioni sportive" dovrà contenere una disposizione contro la propaganda violenta. S'intende inoltre creare la base legale per una banca dati nazionale sulla tifoseria violenta. Il progetto è correlato da altre misure di sicurezza nell'ambito dello sport. In questo campo sarà elaborato un ulteriore progetto di consultazione. Il Consiglio federale ha incaricato il DFGP di elaborare un disegno complementare con le nuove misure, da inviare in consultazione l'anno prossimo e da integrare successivamente nel progetto di legge.

Misure contro il razzismo

Un secondo progetto di revisione "legge federale concernente le misure contro il razzismo" conterrà la fattispecie penale della rappresentazione con significato razzista (art. 261ter A-CP), nonché il relativo articolo nella parte speciale del Codice penale militare (ad es. art. 171 d CPM). La fattispecie proposta contro le associazioni razziste (art. 261quater A-CP) dovrebbe essere stralciata dal progetto, poiché non in grado di ottenere la maggioranza dei consensi. La revisione della legge federale sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni dovrebbe limitarsi all'introduzione dell'attuale articolo 261bis CP (discriminazione razziale) nell'elenco delle fattispecie penali.

Misure preventive nel campo della protezione dello Stato

Accanto al nuovo orientamento dei progetti di revisione menzionati, in seno al DFGP si sta preparando un'ulteriore revisione della LMSI. Con il progetto di revisione LMSI II s'intende rafforzare la sicurezza interna mediante il miglioramento della prevenzione e in particolare della lotta contro il terrorismo. In questo contesto il DFGP sottoporrà al Consiglio federale un progetto di consultazione nel corso del 2005.

Contatto / informazioni
Kommunikation und Medien fedpol, Ufficio federale di polizia, T +41 31 323 13 10, Contatto