Contro l’istigazione alla violenza e i tifosi violenti

Il Consiglio federale approva nuovi strumenti legislativi

Comunicati, DFGP, 17.08.2005

Berna, 17.08.05. Il Consiglio federale intende rafforzare la lotta contro la propaganda violenta e contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive. Nel corso della seduta odierna ha approvato il messaggio concernente le corrispondenti modifiche di legge e lo ha trasmesso al Parlamento.

Il Consiglio federale intende rafforzare la lotta contro il fenomeno della tifoseria violenta e allo stesso tempo migliorare le possibilità di sequestrare materiale di propaganda che istiga alla violenza. Le previste disposizioni di legge contemplano tutte le forme d’istigazione alla violenza contro le persone o al danneggiamento di oggetti o del patrimonio, a prescindere dalla possibile matrice di estrema destra, di estrema sinistra o di altro tipo. Le modifiche previste completano la legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI).

Contro i tifosi notoriamente violenti
In primo piano tra le misure proposte per lottare contro la tifoseria violenta, vi è la possibilità di una registrazione centrale dei dati concernenti le persone notoriamente violente in occasione di manifestazioni sportive. In aggiunta alla banca dati a livello nazionale e in vista dei campionati europei di calcio del 2008 in Svizzera e in Austria, nella LMSI saranno inserite misure preventive che permetteranno di impedire ai tifosi notoriamente violenti di partecipare a manifestazioni sportive.

Il divieto di accedere a un’area, il divieto limitato di lasciare la Svizzera, l’obbligo di presentarsi alla polizia e il fermo preventivo di polizia della durata massima di 24 ore sono tesi a impedire scontri violenti in occasione di manifestazioni sportive. Tali misure saranno applicate mediante un sistema a cascata. Quella più severa sarà adottata solo se quella meno severa non è stata rispettata o se si prevede che non sia efficace.

Validità limitata al 2008
 Nel corso della seduta odierna il Consiglio federale ha inoltre preso atto dei risultati della procedura di consultazione conclusasi il 24 giugno 2005. Come già in occasione della procedura di consultazione sulla banca dati, i partecipanti hanno di principio accolto favorevolmente le misure proposte. Esse sono considerate in particolare indispensabili in vista dei campionati europei di calcio del 2008. Le basi legali saranno valide fino alla fine del 2008. In tal modo, la Confederazione tiene conto dei dubbi sorti tra gli esperti sulla questione se l’emanazione dell’interdizione di accedere a un’area, dell’obbligo di presentarsi alla polizia e del fermo preventivo di polizia debba competere alla Confederazione o ai Cantoni.

Il Consiglio federale dovrà decidere tempestivamente se tali misure potranno essere accolte definitivamente nel diritto federale – come auspicato dai Cantoni - o se dovranno essere inserite nel diritto cantonale (p. es. mediante un concordato).

Contatto / informazioni
Kommunikation und Medien fedpol, Ufficio federale di polizia, T +41 31 323 13 10, Contatto