Revisione dell’ordinanza sulle armi

Saranno messe in atto le modifiche dovute all’associazione a Schengen

Comunicati, DFGP, 15.12.2006

Berna. Oggi il Consiglio federale ha approvato l’adattamento della legislazione svizze-ra sulle armi all’Accordo di associazione a Schengen, dopo aver preso atto dei risultati della procedura di consultazione sulla revisione dell’ordinanza sulle armi. Con la revisione si applicano le prescrizioni minime dell’Accordo di as-sociazione a Schengen, che a livello di legge sono già state trasposte nel dirit-to svizzero con l’approvazione dell’Accordo da parte del popolo svizzero nel giugno 2005.

L’ordinanza è stata inviata in consultazione presso i Cantoni, poiché la sua esecu-zione è affidata in larga misura a questi ultimi. La maggioranza dei Cantoni che han-no espresso un parere ha accolto favorevolmente le modifiche proposte. Essi ricono-scono la necessità di revisione in seguito all’associazione agli accordi di Schengen e Dublino.

L’ordinanza non tiene conto della revisione nazionale della legge sulle armi attual-mente pendente in Parlamento. Essa entrerà in vigore non prima del 2008 insieme alla legge sulle armi rivista e mira soprattutto a ricostruire il percorso commerciale di un’arma.

La revisione nazionale della legge, già discussa dal Consiglio degli Stati, completa le modifiche correlate a Schengen e serve soprattutto a migliorare la prevenzione dell’uso abusivo delle armi. Essa comporterà un’ulteriore revisione dell’ordinanza sulle armi.

Contatto / informazioni
Comunicazione e media fedpol, T +41 58 463 13 10, Contatto