Ufficio federale di giustizia

Minori rapiti: continuano ad aumentare le richieste di ritorno presentate all'estero

Statistica 2008 dell'Autorità centrale svizzera

Comunicati, UFG, 09.03.2009

Berna. Nel 2008 l'Autorità centrale in materia di rapimento internazionale di minori dell'Ufficio federale di giustizia (UFG) ha trattato complessivamente 208 casi, 97 dei quali risalenti all'anno precedente. Su 111 nuove richieste, 75 riguardavano il ritorno di minori e 36 l'esercizio del diritto di visita. La Svizzera ha di nuovo presentato molte più richieste di ritorno di quante non ne abbia ricevute.

Come negli anni precedenti, anche nel 2008 l'UFG ha presentato all'estero molte più richieste di ritorno e di esercizio del diritto di visita rispetto a quelle ricevute. L'anno scorso l'UFG ha trasmesso richieste soprattutto a Germania (12), Italia (9), Francia (9), Portogallo (7) e Gran Bretagna (4), mentre le domande pervenute alla Svizzera provenivano principalmente da Italia (5), Germania (4) e Francia (4).

Complessivamente sono stati coinvolti in rapimenti e conflitti relativi al diritto di visita 142 minori, la cui età media era di 7 anni. Anche l'anno scorso la maggior parte dei minori è stata rapita dalla madre (73 % dei casi). La quota delle madri è stata ancora maggiore (86 % dei casi) in relazione al diritto di visita negato. Per quanto concerne i casi risolti nel 2008 di minori rapiti e portati in Svizzera dalla madre, in un terzo degli episodi si trattava di donne di nazionalità svizzera che sono tornate in patria dopo un rapporto naufragato o per altre ragioni, mentre negli altri due terzi degli episodi si trattava di madri di altre nazionalità.

Quasi tutti i casi risolti mediante la Convenzione dell'Aia

Oltre alla Svizzera, altri 75 Stati hanno aderito alla Convenzione dell'Aia sul rapimento di minori e alla Convenzione europea sull'affidamento. Quasi tutte le richieste di ritorno e di visita si fondano sulla prima Convenzione. Entrambi i trattati perseguono il medesimo scopo: tutelare i minori dagli svantaggi di rapimenti arbitrari e riportarli quanto più velocemente possibile nel loro luogo di residenza abituale, nonché difendere il loro diritto alle relazioni personali con i genitori. La nazionalità dei minori e dei genitori non ha alcuna importanza per l'applicazione delle Convenzioni.

Ritorno non garantito

Il marcato aumento delle richieste di ritorno e di visita presentate all'estero – quasi il doppio rispetto a otto anni fa – è dovuto al fatto che sempre più persone conoscono la Convenzione dell'Aia sul rapimento di minori. Tuttavia, la presentazione di una richiesta di ritorno non garantisce di per sé il rientro del minore rapito. Il ritorno nel luogo di residenza abituale dipende in gran parte dalla disponibilità dei genitori a trovare un compromesso, nonché dall'applicazione coerente e rapida della Convenzione da parte delle autorità competenti.

Aumento dell’attività di consulenza

L'UFG è sempre più coinvolto nella consulenza di genitori, avvocati, servizi sociali e organi di polizia e nei contatti con le autorità giudiziarie. L'attività di consulenza ha rivelato un effetto preventivo soprattutto nelle prime fasi dei conflitti e dovrebbe impedire un ulteriore aumento delle richieste di ritorno. Dei 20 casi di minori rapiti in Svizzera chiusi l'anno scorso, tre quarti sono stati risolti senza procedimenti giudiziari. I tribunali svizzeri hanno emesso tre decisioni di ritorno, mentre in due casi hanno rigettato la richiesta. In nessun caso la Svizzera è dovuta ricorrere all'esecuzione forzata all'estero della decisione di ritorno di un minore.

Richieste presentate dalla Svizzera all'estero:

 

2008

2007

2006

2005

2004

2003

2002

2001

Richieste di ritorno

55

49

42

36

37

42

29

30

Richieste di esercizio del diritto di visita

25

18

14

18

9

10

17

13

Totale nuovi casi

80

67

56

54

46

52

46

43

 
Richieste pervenute alla Svizzera dall'estero:

 

2008

2007

2006

2005

2004

2003

2002

2001

Richieste di ritorno

20

17

19

24

12

18

15

27

Richieste di esercizio del diritto di visita

11

11

11

5

6

9

7

8

Totale nuovi casi

31

28

30

29

18

27

22

35

 

Contatto / informazioni
David Urwyler, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 463 41 32 , Contatto