Ufficio federale della migrazione

Partenariato migratorio Svizzera – Nigeria: progetto pilota Cooperazione di polizia

Comunicati, UFM, 17.08.2012

Berna. Il progetto pilota Cooperazione di polizia Svizzera – Nigeria, la cui prima fase è stata svolta con successo nel 2011, verrà riproposto nel 2012. Il progetto pilota, che consente ad agenti antidroga nigeriani di effettuare stage in varie località svizzere, verrà pertanto di nuovo condotto dall’Ufficio federale della migrazione (UFM), in collaborazione con le autorità di polizia cantonali, il Corpo delle guardie di confine (Cgcf) e l’autorità antidroga nigeriana (NDLEA).

Il partenariato migratorio Svizzera – Nigeria costituisce un approccio globale che considera sia le opportunità sia le sfide della migrazione. La lotta contro il traffico di droga è uno degli ambiti della collaborazione previsti nel memorandum of understanding (MoU) del febbraio 2011.

Il progetto pilota, che durerà da agosto 2012 a luglio 2013, approfondisce la cooperazione operativa tra le competenti autorità dei due Paesi in vista della lotta duratura contro il traffico di cocaina ad opera di cittadini nigeriani. Vi partecipa anche l’Ufficio federale di polizia (fedpol) con una funzione consultiva.

I funzionari nigeriani fanno parte dell’agenzia antidroga NDLEA.

La competenza tecnica incombe alle autorità coinvolte sul piano operativo, mentre l’UFM è responsabile del coordinamento e dell’amministrazione.