Ancora in aumento i reati violenti

Cresce dell’1,9 per cento il totale dei reati denunciati

Comunicati, fedpol, 07.07.2005

Il numero dei reati registrati dalla polizia in Svizzera nel 2004 non differisce di molto rispetto a quello dell’anno precedente. Colpisce tuttavia il chiaro aumento dei reati violenti che conferma una tendenza in atto da diversi anni. La quota percentuale dei minori sospettati di aver commesso un reato è invece diminuita, toccando il livello minimo degli ultimi dieci anni. Da notare, inoltre, che la quantità di cocaina sequestrata è quasi raddoppiata. Il numero di decessi legati al consumo di stupefacenti è rimasto praticamente invariato. Queste informazioni sono contenute nella statistica criminale di polizia (SCP) e in quella degli stupefacenti che l'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha presentato giovedì.

Lo scorso anno la SCP ha registrato 338 835 denunce, 6383 in più rispetto al 2003 (+ 1,9 %). Il numero complessivo dei reati è pertanto inferiore del 5,7 per cento rispetto al valore massimo registrato nel 1991. L’aumento dei reati violenti registrato nel 2004 è superiore alle fluttuazioni casuali annuali e rispecchia una tendenza riscontrata da circa dieci anni. Il numero di denunce per reati violenti quali lesioni personali, violenza carnale, coazione e minaccia è in continuo aumento. Dal 1994 le denunce per violenza e minacce contro le autorità sono persino triplicate.

L’aumento di reati violenti superiore alla media registrato lo scorso anno, è parzialmente riconducibile a una modifica di legge. Infatti, dal 1° aprile 2004, lesioni semplici, vie di fatto, minaccia, coazione sessuale e violenza carnale in ambito famigliare e domestico, sono reati perseguibili d’ufficio.

Nel 2004, la quota percentuale delle denunce nei confronti di minori, sospettati di aver commesso un reato, pari al 18 per cento del totale, è scesa al livello più basso degli ultimi dieci anni. Questo dato è tuttavia relativizzato dall’aumento della quota percentuale di minori autori di reati contro la vita e l’integrità della persona, eccezion fatta per l’omicidio e la coazione. Anche la quota percentuale di cittadini stranieri sospettati di aver commesso un reato è diminuita, dal 55,3 al 53,9 per cento. Dal 1997 tale quota si mantiene a un livello superiore al 50 per cento.

Raddoppiata la quantità di cocaina sequestrata
Nel 2004 sono state registrate per la prima volta più di 50 000 denunce per infrazioni alla legge sugli stupefacenti (50 580). Rispetto al 2003 la quantità di cocaina sequestrata è quasi raddoppiata, raggiungendo con 361 chilogrammi il valore massimo mai registrato. Il numero di decessi legati al consumo di stupefacenti è calato del 6,2 per cento rispetto al 2003 (da 194 a 182 decessi). Dopo una forte diminuzione a metà degli anni Novanta, il numero di decessi per consumo di stupefacenti durante gli ultimi cinque anni è rimasto relativamente stabile.

Previsto un miglioramento della statistica criminale di polizia
L’Ufficio federale di polizia ricorda che le statistiche pubblicate presentano alcune carenze metodologiche. Le cifre vanno considerate tutt’al più come indicatori di tendenze in atto. Il problema è descritto in una parte sulla metodologia che quest’anno è stata aggiunta per la prima volta alla SCP.

Non vi è dubbio che il metodo di rilevamento utilizzato finora dev’essere migliorato dal punto di vista scientifico. Esso dovrà pertanto essere sostituito da un rilevamento coordinato a livello nazionale. Nell’ambito di un gruppo di progetto la Confederazione e i Cantoni stanno preparando una nuova soluzione volta a soddisfare i criteri scientifici e le necessità dei corpi cantonali di polizia e dei servizi interessati della Confederazione.der kantonalen Polizeikorps und der involvierten Bundesstellen gerecht wird.

Info complementari