Entra in vigore la nuova legislazione sulle armi

Comunicati, fedpol, 12.12.2008

Berna. La legislazione riveduta sulle armi entra in vigore in concomitanza con l’avvio della cooperazione operativa della Svizzera con gli Stati Schengen. L’opuscolo pubblicato dall’Ufficio federale di polizia fornisce informazioni in merito alla nuova legislazione sulle armi.

Negli ultimi anni la legislazione svizzera sulle armi è stata sottoposta a due revisioni. Nella prima la direttiva sulle armi CE è stata trasposta nel diritto svizzero nel quadro dell’adeguamento a Schengen, mentre nella seconda revisione «nazionale» si sono colmate le lacune emerse durante l’applicazione della legge sulle armi entrata in vigore nel 1997. La nuova legislazione entra in vigore oggi.

Sono state introdotte le seguenti novità principali:

  • La nuova versione della legge sulle armi ora contempla anche oggetti quali le imitazioni di armi, le scacciacani, le armi ad aria compressa e le armi soft air. Anche l’acquisto, l’introduzione sul territorio svizzero e l’esportazione di tali armi sono disciplinati nelle pertinenti disposizioni della legge sulle armi.
  • L’acquisto di armi in ambito commerciale e tra privati nonché per successione ereditaria è equiparato agli altri tipi di acquisizione. A seconda dell’arma che s’intende acquistare ora occorre un’autorizzazione eccezionale, un permesso d’acquisto di armi o un contratto scritto.
  • Le armi da fuoco che possono essere acquistate senza permesso d’acquisto di armi sono soggette all’obbligo di dichiarazione che consente la loro tracciabilità.
  • È vietato il porto abusivo di oggetti pericolosi.
  • È inoltre potenziato lo scambio d’informazioni tra il servizio competente in seno al Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) e l’Ufficio centrale Armi in seno all’Ufficio federale di polizia.
  • Per esportare armi da fuoco in uno Stato Schengen occorre una bolletta di scorta contenente tutte le indicazioni necessarie per il trasporto che servono per informare gli Stati Schengen interessati.
  • È introdotta la carta europea d’arma da fuoco finalizzata a semplificare le formalità per l’importazione ed esportazione temporanea di armi da fuoco nel traffico passeggeri tra gli Stati Schengen.

L’opuscolo pubblicato dall’Ufficio federale di polizia illustra la nuova legislazione sulle armi.