Estensione dell’assistenza giudiziaria in caso di reati fiscali

Il Consiglio federale intende estendere l’assistenza giudiziaria per mezzo di accordi internazionali

Parole chiave: Assistenza giudiziaria

Comunicati, DFGP, 29.05.2009

Berna. Il Consiglio federale intende garantire una cooperazione coerente in caso di reati fiscali. Venerdì ha pertanto deciso di mettere in atto anche nel quadro dell’assistenza giudiziaria l’estensione della cooperazione ai casi di sottrazione d’imposta, già decisa nell’ambito dell’assistenza amministrativa.

Il 13 marzo 2009 il Consiglio federale aveva deciso di intensificare la cooperazione internazionale in caso di delitti fiscali e di adottare in futuro lo standard previsto dall’articolo 26 del modello di Convenzione dell’OCSE per l’assistenza amministrativa in materia fiscale. Di conseguenza la Svizzera presterà in futuro assistenza amministrativa anche nei casi di sottrazione d’imposta, per i quali il diritto vigente non prevede tuttavia l’assistenza giudiziaria. Al fine di evitare lacune e contraddizioni, il Consiglio federale intende quindi adattare il diritto in materia di assistenza giudiziaria ai nuovi principi della cooperazione internazionale in caso di reati fiscali.

Accordi internazionali in primo piano

Dopo l’estensione dell’assistenza amministrativa in occasione della revisione delle convenzioni bilaterali di doppia imposizione, la Svizzera trasporrà e attuerà le soluzioni pattuite anche nel settore dell’assistenza giudiziaria. In tale contesto il Consiglio federale intende sviluppare l’assistenza giudiziaria soprattutto per mezzo di accordi internazionali, prevedendo di adattare la legge sull’assistenza internazionale in materia penale soltanto in un momento successivo. Infine, il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di esaminare le possibilità di accelerare le procedure di assistenza in materia penale.