Accordo di riammissione tra gli Stati del Benelux e la Svizzera

Berna, 12.12.2003. Firmato oggi l'Accordo di riammissione tra la Svizzera e gli Stati del Benelux. L'Accordo disciplina anche il transito sul territorio degli Stati contraenti di cittadini di Stati terzi da rinviare poi-ché sprovvisti di regolare permesso di soggiorno.

Jean-Daniel Gerber, direttore dell'Ufficio federale dei rifugiati (UFR) e gli ambasciatori Marc Baptist (Belgio), Yves Spautz (Lussemburgo) e Roelof Reinhold Smit (Paesi Bassi) hanno firmato oggi l'Accordo di riammissione tra la Svizzera e gli Stati del Benelux.

L'Accordo prevede la riammissione senza formalità di cittadini di Stati terzi, laddove sia dimostrato il loro precedente soggiorno o transito sul territorio di uno Stato contraente. L'Accordo regola parallelamente anche il transito e la scorta di persone che devono essere rinviate. L'Accordo è stato elabora-to sulla base dello standard europeo.

Non facendo parte né dell'UE né di Schengen, la Svizzera si vede costretta a concludere accordi bilaterali di questo tipo con i singoli Stati europei.

Dall'entrata in carica della consigliera federale Ruth Metzler-Arnold, la Svizzera ha intensificato gli sforzi miranti a concludere accordi di riammis-sione con gli Stati terzi. Grazie all'impegno profuso, negli ultimi cinque anni è stato possibile stipulare ben 15 nuovi accordi di riammissione.

Ultima modifica 12.12.2003

Inizio pagina

Contatto

Informazione e comunicazione SEM
Quellenweg 6
CH-3003 Berna-Wabern
T +41 58 465 78 44
F +41 58 465 97 56
Mobile2 +41 58 465 93 50

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/aktuell/news/2003/2003-12-12.html