Ministero pubblico della Confederazione: necessità d’intervenire sulla conduzione e sulle competenze

Non s’impongono misure di vigilanza o di tipo disciplinare

Parole chiave: Perseguimento penale | Autorità

Comunicati, DFGP, 29.09.2006

Berna. L’inchiesta amministrativa sul Ministero pubblico della Confederazione ordinata dal capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia stabilisce che non vi sono motivi per intervenire sul piano della vigilanza o per adottare misure disciplinari. Il Ministero pubblico della Confederazione presenta tuttavia lacune sul piano organizzativo, procedurale e direttivo; occorre inoltre accertare la ripartizione delle competenze in materia di indagini preliminari tra il Ministero pubblico della Confederazione e la Polizia giudiziaria federale.

Inchiesta amministrativa (Rapporto Lüthi)

Il 14 giugno 2006, in seguito a diversi articoli apparsi nella stampa («Caso Ramos»), il consigliere federale Christoph Blocher incaricò l’avvocato Rolf Lüthi di condurre un’inchiesta amministrativa sul Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Il 15 settembre 2006 il Signor Lüthi presentò il suo rapporto al Dipartimento. Alla luce delle inchieste condotte, non s’impongono misure di vigilanza o di tipo disciplinare in seno al MPC o alla Polizia giudiziaria federale. Per quanto concerne invece le questioni organizzative, procedurali e direttive, il «Rapporto Lüthi» giunge pressoché alle medesime conclusioni del «Rapporto Uster». Tali questioni saranno trattate e risolte nell’ambito dell’analisi della situazione del Progetto Efficienza.

Analisi della situazione del Progetto Efficienza (Rapporto Uster)

Nel dicembre del 1999 il Parlamento approvò il Progetto Efficienza (attuazione dei provvedimenti intesi a migliorare l'efficienza e la legalità nel procedimento penale). Alla Confederazione furono quindi attribuite nuove competenze per lottare contro le gravi forme di criminalità in casi intercantonali o internazionali. Nel quadro del programma di sgravio 03, il Parlamento ordinò la sospensione del progetto fino alla fine del 2006. Il DFGP incaricò un’organizzazione di progetto, diretta dal consigliere di Stato Hanspeter Uster, di analizzare la situazione del perseguimento penale a livello federale e di formulare proposte concrete per l’ulteriore modo di procedere. Il rapporto constata una sostanziale necessità d’intervento e propone svariate varianti atte a migliorare la situazione.

Ulteriore modo di procedere

Sulla base dei rapporti summenzionati, il DFGP elaborerà un programma dettagliato per il proseguimento del Progetto Efficienza; si tratta di valutare e decidere quale modello applicare, se è possibile attuare le misure necessarie di propria competenza e se occorre intervenire sul piano legislativo. A dipendenza della variante scelta, il programma verrà poi portato a conoscenza del Consiglio federale, messo in atto oppure presentato al Parlamento.

Il «Rapporto Uster» e il «Rapporto Lüthi» sono consultabili sul sito web del DFGP. Il Servizio d’informazione del DFGP è competente per le informazioni in merito.

Info complementari

Services

Documenti

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 29.09.2006

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto