Il consigliere federale Blocher alle celebrazioni per il Codice civile turco

Comunicati, DFGP, 04.10.2006

Berna. Il consigliere federale Christoph Blocher ha partecipato oggi ad Ankara alla cerimonia d'apertura del simposio tenuto in occasione degli 80 anni dall'entrata in vigore del Codice civile turco. La visita in Turchia è stata anche l'occasione per incontrare i suoi omologhi turchi Cemil Cicek e Abdulkadir Aksu nonché la presidente del Tribunale costituzionale, Tülay Tugcu. Al centro degli incontri vi è stata la questione turco-armena, tema che negli ultimi anni ha pesato sulle relazioni tra la Svizzera e la Turchia.

Nel suo discorso tenuto in occasione della cerimonia d'apertura il consigliere federale Blocher ha sottolineato i legami di lunga data tra i due Paesi. Il trattato di pace concluso nel 1923 a Losanna rappresenta ancora oggi l'atto di nascita della Turchia moderna. L'allora avventura, ossia di costruire ex novo il sistema giuridico turco fu, nel 1926, un evento unico e ancora oggi merita il dovuto riconoscimento. La riprese da parte della giovane Repubblica dell'allora Codice civile rappresentò un'importante base per i tuttora buoni rapporti tra i due Stati.

Successivamente al discorso nell'Università di Ankara il consigliere federale Christoph Blocher e il ministro della giustizia turco Cemil Cicek si sono incontrati per un colloquio di lavoro. I due ministri hanno approfondito le questioni concernenti l'assistenza giudiziaria internazionale e la collaborazione nell'ambito della giustizia. Hanno in particolare parlato del procedimento nei confronti del prof. Yusuf Halacoglu, presidente della società di storici turca. In occasione di una conferenza sulla questione turco-armena tenutasi a Winterthur, su invito di un’associazione turca, il professor Halacoglu avrebbe violato l’articolo 261bis del Codice penale svizzero. Durante il suo incontro con il ministro Cicek, il consigliere federale Blocher ha ricordato la posizione del Consiglio federale, secondo cui spetta innanzitutto ai ricercatori fare piena luce sugli eventi, collocandoli e valutandoli nel loro contesto storico. Secondo il Governo svizzero, inoltre, la rivisitazione critica di capitoli oscuri della storia è un compito che spetta ai Paesi interessati. Il consigliere federale Blocher ha rilevato il rapporto conflittuale esistente tra la libertà di espressione e l’articolo 261bis capoverso 2 del Codice penale svizzero.

Il consigliere federale Blocher ha avuto inoltre un incontro di cortesia con il ministro dell'interno Abdulkadir Aksu e con la presidente del Tribunale costituzionale, Tülay Tugcu. Con la deposizione di una corona il consigliere federale Blocher ha inoltre reso omaggio alla memoria del fondatore della Turchia moderna, Mustafa Kemal Atatürk.

Info complementari

Documenti

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 04.10.2006

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto