Nuova legge per tutti i giochi in denaro: il Consiglio federale avvia la consultazione

Parole chiave: Gioco in denaro

Comunicati, Il Consiglio federale, 30.04.2014

Berna. Il Consiglio federale intende disciplinare tutti i giochi in denaro in un’unica legge. In data odierna, ha posto in consultazione l’avamprogetto della nuova legge sui giochi in denaro. L’avamprogetto migliora la protezione dal gioco patologico, dal riciclaggio di denaro e dalla manipolazione di competizioni sportive. Mantiene i contributi destinati all’AVS e all’AI nonché a scopi d’utilità pubblica. Secondo la nuova legge le vincite risultanti dalle lotterie e dalle scommesse sportive non saranno più imponibili. I giochi da casinò potranno essere proposti anche online e piccoli tornei di poker potranno essere organizzati anche al di fuori delle case da gioco.

La nuova legge federale attua l’articolo costituzionale sui giochi in denaro, approvato dal Popolo e dai Cantoni l’11 marzo 2012 e sostituisce la legge del 18 dicembre 1998 sulle case da gioco e la legge federale dell’8 giugno 1923 concernente le lotterie e le scommesse professionalmente organizzate. La procedura di consultazione dura fino al 20 agosto 2014.

Protezione dal gioco patologico e da altri pericoli

L’avamprogetto presenta novità anche per quanto riguarda la lotta al gioco patologico, prevedendo obblighi anche per i Cantoni e le lotterie. Gli organizzatori di giochi in denaro devono adottare misure di protezione proporzionate al potenziale pericolo dei giochi. La misura più severa è l’esclusione dal gioco: gli organizzatori devono escludere dal gioco le persone che secondo la comunicazione di un servizio specializzato o un’autorità del settore delle opere sociali sono dipendenti dal gioco. I Cantoni sono tenuti ad adottare misure di prevenzione e a offrire consulenza e cure. Infine, l’avamprogetto prevede l’istituzione di una commissione consultiva che offre consulenza nei settori della prevenzione, dell’individuazione tempestiva e della cura del gioco d’azzardo patologico.

La nuova legge tiene conto anche degli altri pericoli inerenti ai giochi in denaro. Prevede ad esempio una pena per le manipolazioni di competizioni sportive legate a scommesse. Gli organizzatori e le associazioni sportive devono denunciare alle autorità i casi sospetti. Inoltre, le case da gioco come pure gli organizzatori delle lotterie, delle scommesse sportive e dei giochi di destrezza potenzialmente più pericolosi sottostanno alla legge sul riciclaggio di denaro.

Stesso trattamento per tutte le vincite

L’avamprogetto di legge prevede che tutte le vincite dei giocatori siano esentate dall’imposta. Secondo il diritto vigente, le vincite risultanti dalle lotterie e dalle scommesse sportive sono imponibili, mentre quelle realizzate nelle case da gioco non lo sono. L’avamprogetto intende eliminare questa disparità di trattamento – anche rispetto ai giochi in denaro all’estero. Il Consiglio federale aveva preso questa decisione di fondo il 13 febbraio 2013 e la Conferenza dei direttori cantonali delle finanze la appoggia.

Altre novità

L’avamprogetto di legge tiene anche conto degli sviluppi della società e della tecnologia e intende abolire il vigente divieto di proporre giochi da casinò online. Le case da gioco potranno chiedere di includere nella concessione l’autorizzazione di proporre questo tipo di giochi. In futuro, l’accesso a offerte di gioco online non autorizzate sarà bloccato. I tornei di poker e altri tornei di giochi in denaro con poste e vincite esigue potranno essere organizzati anche al di fuori delle case da gioco.

L’avamprogetto prevede inoltre l’istituzione di un organo di coordinamento composto in modo paritario da membri delle autorità d’esecuzione della Confederazione e dei Cantoni. L’organo ha il compito di istituzionalizzare lo scambio di opinioni e la collaborazione tra le autorità della Confederazione e quelle dei Cantoni, garantendo in tal modo una politica coerente ed efficace in materia di giochi in denaro.

Mantenere le soluzioni consolidate

Per il resto l’avamprogetto riprende le soluzioni consolidate. Le case da gioco necessitano di una concessione e sottostanno alla vigilanza della Confederazione. La tassa da gioco è destinata in linea di principio all’AVS e all’AI (2012: 320 milioni di franchi). Le lotterie e le scommesse sportive sono autorizzate e sorvegliate dai Cantoni. L’utile netto va destinato esclusivamente a scopi d’utilità pubblica, in particolare in ambito culturale, sociale e sportivo (2012: 560 milioni di franchi). Inoltre, i giochi in denaro in ambito privato non sono soggetti ad autorizzazione. Infine, i giochi a premi e i concorsi destinati a promuovere le vendite sono ammessi, purché vi si possa partecipare anche gratuitamente.

Info complementari

Documenti

Multimedia

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 30.04.2014

Contatto

Contatto / informazioni

Michel Besson Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 463 07 12
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina