Attuazione dell’iniziativa sui pedofili: il Consiglio federale avvia la consultazione

Comunicati, Il Consiglio federale, 13.05.2015

Berna. Il trattamento dei pedofili criminali sarà ulteriormente inasprito. Mercoledì, il Consiglio federale ha presentato la sua proposta di attuazione dell’iniziativa sui pedofili. Dopo una condanna per un reato sessuale nei confronti di un minorenne o di un’altra persona particolarmente vulnerabile sarà in linea di massima pronunciata un’interdizione a vita di esercitare un’attività. Per i casi di lieve entità è prevista un’eccezione che attenua il conflitto con il principio di proporzionalità previsto dalla Costituzione. Il Consiglio federale ritiene che una variante con un automatismo senza eccezioni non sia una soluzione sostenibile. La consultazione si concluderà il 3 settembre 2015.

Il 18 maggio 2014 Popolo e Cantoni hanno accettato l’iniziativa popolare "Affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli". È stato pertanto inserito nella Costituzione federale un nuovo articolo 123c in base al quale chi è condannato per aver leso l’integrità sessuale di un fanciullo o di una persona dipendente è definitivamente privato del diritto di esercitare un’attività professionale od onorifica a contatto con minorenni o persone dipendenti. Non essendo concretizzata dalla nuova disposizione costituzionale, l’interdizione di esercitare un’attività deve essere attuata mediante revisione del Codice penale e del Codice penale militare.

L’automatismo previsto dal nuovo disposto costituzionale è contrario alle garanzie fondamentali dello Stato di diritto, in particolare al principio di proporzionalità sancito dall’articolo 5 della Costituzione. Al fine di permettere una discussione franca su questo dilemma, il Consiglio federale pone in consultazione due varianti d’attuazione.

Ampio automatismo ...

L’avamprogetto posto in consultazione si attiene fedelmente al tenore della nuova disposizione costituzionale. Tiene quindi conto dell’automatismo voluto dai promotori dell’iniziativa, secondo cui, in linea di massima a prescindere dalle circostanze del caso concreto, il giudice deve obbligatoriamente pronunciare un’interdizione a vita di esercitare attività professionali o attività extraprofessionali in seno ad associazioni o altre organizzazioni. Ciò riguarda gli autori condannati a una pena o una misura per aver commesso un reato sessuale nei confronti di un minorenne o di un’altra persona particolarmente vulnerabile. I reati passibili di interdizione comprendono, oltre ai crimini e ai delitti, anche contravvenzioni contro l’integrità sessuale (p. es. molestie sessuali). L’interdizione deve essere inoltre ordinata indipendentemente dall’entità della pena irrogata.

... ma disposizione derogatoria

Per evitare violazioni del principio costituzionale di proporzionalità, il Consiglio federale propone, nella variante che predilige, un’eccezione per i casi poco gravi, in cui l’interdizione manifestamente non appare né necessaria né ragionevole. Secondo tale proposta, il giudice deve poter prescindere, in via eccezionale, dalla pronuncia di un’interdizione a vita, in particolare nei casi di relazione amorosa tra giovani. Questa disposizione corrisponde anche alle intenzioni dei promotori dell’iniziativa, che prima della votazione popolare avevano essi stessi proposto deroghe secondo cui, ad esempio, una relazione tra giovani non deve comportare l’interdizione a vita di esercitare un’attività, poiché non può essere considerata alla stregua di un atto di un criminale pedofilo dal punto di vista psichiatrico.

Come seconda variante, il Consiglio federale ha posto in consultazione una normativa che si fonda ancor più fedelmente sul tenore della nuova disposizione costituzionale, ma che ignora le garanzie dello Stato di diritto sancite anch’esse dalla Costituzione. Questa normativa rigida nega al giudice qualsiasi potere discrezionale. L’interdizione a vita di esercitare un’attività dovrebbe essere obbligatoriamente pronunciato in qualsiasi caso, il che sarebbe contrario al principio di proporzionalità e ad altri principi costituzionali. A parere del Consiglio federale la variante senza deroghe non costituisce pertanto una soluzione sostenibile.

Interdizione a vita per i rei pedofili

Secondo entrambe le varianti, trascorso un determinato lasso di tempo, il condannato può chiedere un riesame dell’interdizione e, a determinate condizioni, quest’ultima può essere diminuita o abolita. Non deve tuttavia sussistere alcun rischio che l’autore possa abusare di un’attività per commettere altri reati sessuali. Questa possibilità di riesame è invece esclusa per i condannati considerati pedofili dal punto di vista psichiatrico. Nei confronti di questi ultimi l’interdizione è sempre a vita.

Si prevede di attuare l’interdizione con due strumenti: da un lato, sono disponibili l’estratto del casellario giudiziale e il nuovo estratto specifico per privati. I datori di lavoro o le associazioni possono in tal modo verificare se è stata pronunciata un’interdizione nei confronti di un candidato o di un collaboratore. Dall’altro, gli autori devono obbligatoriamente essere controllati e assistiti mediante l’assistenza riabilitativa.

Sulla base dell’interdizione vigente

Le nuove disposizioni integrano l’interdizione di esercitare un’attività entrata in vigore il 1° gennaio 2015, con cui la vecchia interdizione di esercitare una professione era stata estesa a un’ampia interdizione di esercitare un’attività. Da allora il giudice può vietare, se necessario a vita, anche attività extraprofessionali in seno ad associazioni o altre organizzazioni. L’interdizione è stata inoltre integrata con un divieto di avere contatti e di accedere ad aree determinate. Oltre che dai reati sessuali, questo divieto tutela le persone ad esempio anche dalla violenza domestica o dalle insidie.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 13.05.2015

Contatto

Contatto / informazioni

Franziska Zumstein Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 463 50 12
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina