Integrare meglio i rifugiati nell'economia

Parole chiave: Integrazione | Mercato di lavoro

Comunicati, SEM, 06.12.2017

Il segretario di Stato Mario Gattiker ha conferito a Eduard Gnesa, già ambasciatore straordinario per la migrazione, un mandato in veste di incaricato per i rifugiati e l'economia. Durante sei mesi Eduard Gnesa informerà aziende private e associazioni economiche in merito alle possibilità di assumere rifugiati e persone ammesse provvisoriamente alle proprie dipendenze. L'obiettivo è anche quello di mettere a disposizione di queste persone posti di lavoro e di apprendistato adeguati in modo tale da integrarle nel mondo del lavoro a vantaggio di tutti.

Negli ultimi anni il numero di rifugiati riconosciuti e di persone ammesse provvisoriamente che rimangono a lungo termine in Svizzera è fortemente aumentato. Molti sono giovani e hanno un potenziale professionale che al momento non viene pienamente sfruttato. La Confederazione e i Cantoni hanno riconosciuto la necessità di un intervento e hanno già adottato misure supplementari per integrare professionalmente queste persone. In contropartita ci si aspetta che i rifugiati riconosciuti e le persone ammesse provvisoriamente cooperino in vista di acquisire rapidamente le competenze necessarie per accedere al mercato del lavoro o a una formazione.

Rifugiati e ammessi a titolo provvisorio sono parte integrante del potenziale presente sul territorio nazionale

L'accesso al mercato del lavoro presuppone che i rifugiati, le persone ammesse provvisoriamente e altri gruppi di persone che non riescono di primo acchito a integrarsi nel mondo del lavoro beneficino di una congrua offerta di posti di apprendistato e di lavoro. Oggi non è così e occorrerà pertanto creare, a medio termine, posti supplementari per integrare questi gruppi di persone. I rifugiati e le persone ammesse provvisoriamente sono parte integrante del potenziale di manodopera presente sul territorio nazionale. Se si integrano queste persone nel mercato del lavoro occorre reclutare meno manodopera all'estero.

L'incaricato per i rifugiati e l'economia dovrà informare e sensibilizzare le aziende e le associazioni in merito alle possibilità di assumere rifugiati e persone ammesse provvisoriamente alle proprie dipendenze. Il mandato è limitato a sei mesi, dopodiché sarà stilato un bilancio e si deciderà sul da farsi.

Info complementari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 06.12.2017

Contatto

Contatto / informazioni

Informazione e comunicazione SEM
T
+41 58 465 78 44
Contatto