Progetto pilota nella Svizzera romanda: la SEM affida la protezione giuridica alla Caritas Svizzera

Comunicati, SEM, 07.12.2017

Il mandato di consulenza e rappresentanza legale nel quadro del progetto pilota per le procedure d’asilo velocizzate nella Svizzera romanda è affidato alla Caritas Svizzera. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha incaricato la Caritas di garantire la protezione giuridica dall’aprile 2018 nei centri federali d’asilo di Boudry (NE) e di Giffers/Chevrilles (FR). Il mandato era stato messo a concorso il 1° settembre 2017. Delle tre presentate, l’offerta della Caritas Svizzera è quella economicamente più conveniente e che meglio adempie i requisiti qualitativi.

Il mandato consiste nel garantire, organizzare ed attuare la consulenza e la rappresentanza legale nei centri d’asilo della Confederazione di Boudry e Giffers/Chevrilles nel quadro del progetto pilota nella Svizzera romanda. Le domande d’asilo trattate in questi centri durante la fase pilota soggiacciono all’ordinanza del 4 settembre 2013 sulle fasi di test. I richiedenti l’asilo la cui domanda sarà trattata nel quadro del progetto pilota nella Svizzera romanda hanno quindi diritto a una consulenza gratuita e al gratuito patrocinio.

La SEM affida questo incarico alla Caritas Svizzera. Quest’ultima è chiamata a garantire una consulenza completa e professionalmente qualificata dei richiedenti l’asilo attribuiti al progetto pilota nella Svizzera romanda. Un elemento centrale della consulenza è l’informazione dei richiedenti in merito ai loro diritti e doveri durante la procedura. I consulenti e i rappresentanti legali devono operare senza pregiudizi, rispettando la dignità umana dei richiedenti l’asilo e assumendo una posizione neutrale nei confronti di questioni religiose e in materia di politica d’asilo.

Il 1° settembre 2017 la Confederazione ha pubblicato il bando di concorso conformemente alle disposizioni in materia di acquisti pubblici. Gli offerenti hanno dovuto comprovare, tra le altre cose, la loro capacità economica e la loro esperienza rilevante per l’esecuzione del mandato. Hanno inoltre dovuto presentare un piano tecnico che illustrasse l’impostazione della consulenza e della rappresentanza legale, la capacità di gestire le fluttuazioni come anche la formazione e la formazione continua. La Caritas Svizzera ha ottenuto l’aggiudicazione in quanto adempie i requisiti qualitativi in misura maggiore rispetto agli altri offerenti e ha sottoposto l’offerta economicamente più conveniente. L’inizio della prestazione è previsto per il 3 aprile 2018.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 07.12.2017

Contatto

Informazione e comunicazione SEM
T
+41 58 465 78 44
Contatto