Il ministro greco Mouzalas visita il centro di test per procedure d’asilo celeri

Comunicati, DFGP, 20.02.2018

La consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), ha accolto martedì a Zurigo il ministro greco della migrazione, Ioannis Mouzalas, per un incontro di lavoro. Oltre a una visita del centro di test per procedure d'asilo celeri, le discussioni si sono concentrate sull’attualità in materia di politica migratoria. Il centro di Zurigo funge da modello e suscita vivo interesse: oltre 45 delegazioni internazionali lo hanno visitato negli ultimi quattro anni.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga accoglie il ministro greco della migrazione Iannis Mouzalas
La consigliera federale Simonetta Sommaruga accoglie il ministro greco della migrazione Iannis Mouzalas (foto: DFGP)

La consigliera federale Sommaruga ha illustrato al ministro Mouzalas la nuova procedura d’asilo, testata con successo a Zurigo dal 2014. Accolta dal Popolo nel 2016 con una maggioranza di due terzi, la fondamentale riforma delle procedure d’asilo sarà introdotta su scala nazionale nel 2019. Le esperienze maturate sono molto positive: le analisi svolte da esperti indipendenti hanno mostrato che la durata procedurale si riduce di un terzo, come pure il numero dei ricorsi, mentre risulta triplicato il numero dei richiedenti che ritornano spontaneamente nel proprio Paese. Il ministro Mouzalas e la sua delegazione hanno quindi manifestato particolare interesse per la rappresentanza legale indipendente, la consulenza al ritorno nonché il rimpatrio dei richiedenti l'asilo respinti. La consigliera federale Sommaruga ha fatto notare che la procedura d’asilo celere permette anche di ridurre il numero di domande d’asilo insufficientemente motivate. Ha ribadito che, nel complesso, le procedure celeri sono eque, più efficaci ed economiche, consolidando in tal modo la credibilità della politica d'asilo.

Cooperazione europea

Oltre a visitare il centro di test, la consigliera federale Sommaruga e il ministro Mouzalas hanno discusso l’attuale situazione in Grecia e gli sviluppi in seno all’UE per quanto riguarda il settore dell’asilo e della migrazione. L’anno scorso la consigliera federale Sommaruga ha visitato, insieme al suo omologo Mouzalas, un centro di identificazione e smistamento («hotspot») dell’UE sull’isola di Lesbos, dove ha potuto farsi un’idea dell’accoglienza riservata ai richiedenti l’asilo in Grecia. Ha approvato gli importanti passi che la Grecia ha compiuto per aumentare le capacità nel sistema d’asilo. La consigliera federale Sommaruga ha assicurato al suo omologo l’ulteriore sostegno da parte della Svizzera.

I ministri hanno pure discusso il programma UE per la ricollocazione dei richiedenti l’asilo in provenienza dall’Italia e dalla Grecia, ufficialmente scaduto a settembre 2017. La Svizzera ha potuto concludere il programma, cui aveva partecipato volontariamente, nel 2018, dopo aver accolto in due anni 1500 persone – di cui 580 dalla Grecia. I ministri Sommaruga e Mouzalas hanno infine convenuto che su scala europea è fondamentale un meccanismo di ripartizione tra gli Stati Dublino per far fronte alle sfide i materia di migrazione. A tale scopo saranno indispensabili anche in futuro uno stretto coordinamento e contatti permanenti tra gli Stati europei.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 20.02.2018

Contatto

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto