Esecuzione penale in via sostitutiva: il campo d’applicazione viene ampliato

Parole chiave: Assistenza giudiziaria

Comunicati, Il Consiglio federale, 23.05.2018

Gli stranieri contro cui è in corso un procedimento penale o che sono stati condannati in via definitiva non potranno più sottrarsi alla pena recandosi legalmente nel loro Paese d’origine. Una modifica del Protocollo addizionale alla Convenzione sul trasferimento dei condannati prevede che anche in questi casi lo Stato di condanna possa presentare al Paese d’origine la richiesta di esecuzione penale in via sostitutiva. Nella seduta del 23 maggio 2018, il Consiglio federale ha adottato il messaggio che approva il corrispondente Protocollo di modifica.

La Convenzione del Consiglio d’Europa sul trasferimento dei condannati permette alle persone condannate al di fuori del loro Paese d’origine di ritornavi, su loro richiesta, per scontarvi la pena. Tale possibilità mira a favorire il loro reinserimento nella società. Il Protocollo addizionale alla Convenzione sul trasferimento prevede che lo Stato di condanna possa presentare al Paese d’origine una richiesta di esecuzione penale in via sostitutiva, anche senza o contro la volontà del condannato, in due casi: se il condannato scappa dallo Stato di condanna e si rifugia nel Paese d’origine o se deve comunque lasciare lo Stato d’origine in seguito a un’espulsione giudiziaria, un’espulsione ai sensi della legge sugli stranieri o a un allontanamento.

Il Protocollo di modifica recepisce una serie di esigenze pratiche e amplia il dispositivo al fine di impedire l’impunità. In futuro lo Stato di condanna potrà presentare una richiesta di esecuzione penale in via sostitutiva anche se il condannato rientra legalmente nel suo Paese d’origine. Rispetto a oggi sarà possibile procedere a un trasferimento in caso di espulsione giudiziaria, di espulsione ai sensi della legge sugli stranieri e di allontanamento anche se il condannato si rifiuta di esprimersi in proposito.

L’11 ottobre 2017 il Consiglio federale ha approvato il Protocollo di modifica alla cui stesura il nostro Paese ha ampiamente contribuito. Il 22 novembre 2017 a Strasburgo il Protocollo è stato aperto alle firme e lo stesso giorno la Svizzera lo ha sottoscritto.

Info complementari

Documentazione

(Questi documenti non sono disponibili in italiano)

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 23.05.2018

Contatto

Contatto

Folco Galli Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 77 88
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina