Il Consiglio federale vuole misure mirate invece di un divieto generale di dissimulare il viso

Parole chiave: Religione

Comunicati, Il Consiglio federale, 27.06.2018

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", poiché i Cantoni devono continuare a poter decidere autonomamente se introdurre un simile divieto. Contrappone all’iniziativa un controprogetto indiretto che risponde in modo mirato ai potenziali problemi legati alla dissimulazione del viso. Da un lato, nei contatti con determinate autorità occorre mostrare il viso; dall’altro, è espressamente punita qualsiasi coercizione a dissimularlo. Nella seduta del 27 giugno 2018 il Consiglio federale ha posto in consultazione le pertinenti proposte.

L’essenziale in breve:

  • Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", poiché anche in futuro i Cantoni devono poter decidere autonomamente in merito a simili divieti.
  • Contrappone all’iniziativa un controprogetto indiretto che costituisce una risposta mirata ai potenziali problemi legati alla dissimulazione del viso.
  • Il contatto con determinate autorità deve avvenire a viso scoperto. Chi obbliga una donna a dissimulare il viso è punito.

L’iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso" è stata depositata il 15 settembre 2017 con 105 553 firme valide. Chiede che in tutto il territorio svizzero nessuno possa più dissimulare il proprio viso negli spazi pubblici e nei luoghi accessibili al pubblico. Le eccezioni sono possibili esclusivamente per motivi inerenti alla salute, alla sicurezza, alle condizioni climatiche e alle usanze locali e vanno concretizzate a livello di legge.

L’iniziativa mira a sancire nella Costituzione federale un divieto valido per tutta la Svizzera e introduce una soluzione unica per tutti i Cantoni. Il Consiglio federale la respinge. In Svizzera, il disciplinamento dello spazio pubblico compete tradizionalmente ai Cantoni, che anche in futuro devono poter decidere autonomamente se prevedere un divieto di dissimulazione del viso. Il Cantone del Ticino ha introdotto un simile divieto nel 2013, altri Cantoni lo hanno invece respinto (p. es. Zurigo e Soletta). L’iniziativa non consentirebbe più l’adozione di soluzioni cantonali differenziati. In particolare, i singoli Cantoni non potrebbero più disciplinare autonomamente come gestire il velo integrale indossato da turiste provenienti dai Paesi arabi.

Norme chiare per l’identificazione

Il Consiglio federale è consapevole che la dissimulazione del viso può generale problemi. Con il controprogetto indiretto propone di introdurre a livello di legge misure mirate nei settori in cui ha la competenza legislativa. Ritiene ad esempio inaccettabile che donne siano costrette a dissimulare il viso e intende dichiarare esplicitamente punibile una simile coercizione. La legge proposta integra dunque la fattispecie della coazione di cui all’articolo 181 del Codice penale con una disposizione che punisce la coercizione alla dissimulazione del viso con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria. La menzione esplicita nel Codice penale chiarisce che un simile comportamento non viene tollerato.

Il Consiglio federale stabilisce inoltre chiaramente le condizioni alle quali, nell’ambito dei contatti con le autorità, occorre scoprire il viso e le sanzioni che il rifiuto comporta. In tal modo mira a eliminare possibili tensioni. Le disposizioni esplicano pure un effetto preventivo e consentono di stabilire una prassi uniforme.

Concretamente, la legge esige che i privati mostrino il volto quando ciò è necessario ai fini dell’identificazione. La legge disciplina in parte già oggi simili situazioni, segnatamente nei settori della sicurezza, della migrazione e delle assicurazioni sociali. Manca tuttavia in parte un disciplinamento specifico. La nuova legge è volta a creare la necessaria chiarezza, ad esempio nel settore del trasporto di persone. Chi non dà seguito a una ripetuta ingiunzione a mostrare il viso sarà punito con la multa.

Info complementari

Documentazione

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.06.2018

Contatto

Contatto / informazioni

Monique Cossali Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 47 89
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina