Asilo: statistica del secondo trimestre 2018

Parole chiave: Statistiche sull’asilo

Comunicati, SEM, 27.07.2018

Nel secondo trimestre 2018 sono state presentate in Svizzera 3769 domande d’asilo, ossia circa il 14 per cento in meno che nel medesimo periodo del 2017. In giugno 2018 sono state registrate 1246 nuove domande, il che rappresenta un calo del 23,7 per cento rispetto al giugno 2017. Nel quadro di misure urgenti, il 27 giugno scorso sono giunti in Svizzera 37 rifugiati riconosciuti dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), evacuati dalla Libia verso il Niger.

Nella prima metà del 2018 sono state presentate in Svizzera 7820 domande d’asilo, ossia il 14,3 per cento in meno rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Con 1246 nuove domande registrate, il mese di giugno 2018 segna un calo del 23,7 per cento rispetto al giugno 2017. Nonostante la diminuzione del numero di domande d’asilo presentate durante il secondo trimestre 2018, l’evoluzione della situazione nelle regioni in conflitto e sulle rotte migratorie resta incerta.

In giugno la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha liquidato in prima istanza 2270 domande d’asilo, di cui 419 con una decisione di non entrata nel merito (in 379 casi in virtù dell’Accordo di Dublino), 589 con la concessione dell’asilo e 766 con l’ammissione provvisoria. Il numero di casi in giacenza in prima istanza è diminuito di 875 unità rispetto al mese di maggio attestandosi a 15 737.

In giugno 573 persone hanno lasciato la Svizzera sotto il controllo delle autorità o sono state rimpatriate. La Svizzera ha chiesto ad altri Stati Dublino la presa in carico di 551 richiedenti l’asilo. 176 persone sono state trasferite nello Stato Dublino competente. Dal canto suo, la Svizzera ha ricevuto 585 domande di presa in carico Dublino. 127 persone sono state trasferite in Svizzera.

Sempre in giugno i principali Paesi di provenienza dei richiedenti l’asilo giunti in Svizzera sono stati l’Eritrea (222 domande; −52), l’Afghanistan (122 domande; +31), la Siria (112 domande; -2), la Georgia (101 domande; +12) e lo Sri Lanka (71 domande; +15).

Programma di reinsediamento

Durante il mese di giugno 104 persone sono state accolte in Svizzera nel quadro del programma di reinsediamento dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR). Nel dicembre 2016 il Consiglio federale ha deciso di ammettere sull’arco di due anni un contingente di 2000 vittime del conflitto siriano. Sino alla fine di giugno 2018 le persone accolte in Svizzera nel quadro di questo contingente sono state 972. Il programma è destinato alle persone particolarmente vulnerabili che si trovano in Siria e nei Paesi vicini e cui l’ACNUR ha riconosciuto lo statuto di rifugiato.

Infine il 27 giugno scorso 37 persone evacuate dalla Libia nel Niger sono arrivate in Svizzera nel quadro di misure urgenti. Essendo entrate alla fine del mese, per motivi tecnici queste persone saranno registrate soltanto in luglio. Un primo gruppo di 40 persone era giunto nello scorso aprile. Alcune persone sono ancora attese nelle prossime settimane. In dicembre 2017 la Svizzera si era detta disposta ad accogliere, nel quadro di una misura umanitaria urgente, fino a 80 rifugiati particolarmente bisognosi di protezione evacuati dall’ACNUR a fronte della loro situazione precaria in Libia.

Monitoraggio dell’esecuzione degli allontanamenti nel settore dell’asilo

La statistica sull’asilo riguardante il secondo trimestre 2018 contiene il monitoraggio dell’esecuzione degli allontanamenti nel settore dell’asilo, pubblicato annualmente dal 2016. Il monitoraggio informa tra le altre cose in merito al numero di allontanamenti eseguiti per Cantone e sull’evoluzione dei casi di esecuzione per Stato d’origine. Vi figurano per la prima volta i casi Dublino per i quali la SEM non versa più importi forfettari. Questa novità poggia su un articolo di legge (art. 89b della legge sull’asilo) entrato in vigore nell’ottobre 2016.

Info complementari

Documentazione

Dossier

Novità

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.07.2018

Contatto

Informazione e comunicazione SEM
T
+41 58 465 78 44
Contatto