Progetto pilota per l’integrazione nel mercato del lavoro agricolo di rifugiati: una buona preparazione e il collocamento regionale sono le prerogative per il successo

Parole chiave: Integrazione

Comunicati, SEM, 08.08.2018

Un maggior numero di rifugiati e persone ammesse provvisoriamente potrebbero trovare un lavoro nell’agricoltura o svolgervi una formazione professionale, a condizione che progetti cantonali o regionali li preparino in modo mirato al lavoro nelle aziende e che siano a disposizione corsi di formazione adeguati. Inoltre, il tragitto per recarsi al lavoro dovrebbe essere relativamente breve. Sono questi gli esiti più importanti del progetto pilota “Lavorare nell’agricoltura” dell’Unione svizzera dei contadini e della Segreteria di Stato della migrazione. Alla fine dell’impiego la maggior parte delle aziende agricole coinvolte e dei partecipanti si è mostrata soddisfatta.

 
Questo documento non è disponibile in italiano. Vogliate consultare la versione tedesca o francese.

 

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 08.08.2018