Quarta Conferenza della Rete integrata Svizzera per la sicurezza: collaborazione tra organi di sicurezza statali e imprese private

Parole chiave: Politica di sicurezza

Comunicati, DFGP, 16.05.2019

Giovedì 16 maggio 2019 al Palais de Beaulieu di Losanna si è svolta la quarta Conferenza della Rete integrata Svizzera per la sicurezza. Oltre 300 partecipanti provenienti dall’Amministrazione federale nonché dalle amministrazioni cantonali e comunali, dalla politica e dall’economia privata, hanno seguito la conferenza che verteva sul tema della collaborazione tra organi di sicurezza statali e imprese private.

André Duvillard, delegato della Confederazione e dei Cantoni per la Rete integrata Svizzera per la sicurezza, ha inaugurato la conferenza con una panoramica sulla diversità degli attori nell’ambito della sicurezza. Tra il 2011 e il 2018 gli effettivi dei corpi di polizia, nonché quelli delle forze di sicurezza private, hanno registrato in generale un forte aumento. Tuttavia in modo diverso: l’incremento registrato dai corpi di polizia dei Cantoni e dei Comuni si attesta al 10 per cento circa, mentre quello delle imprese di sicurezza private al 21 per cento.

Fredy Fässler, consigliere di Stato del Cantone di San Gallo e membro del comitato direttivo della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia, ha illustrato le aspettative dei Cantoni per quanto riguarda la collaborazione con le imprese private. La consigliera Karin Keller-Sutter ha invece parlato del possibile ruolo della Confederazione nel settore degli attori di sicurezza privati. A questi interventi è seguita una tavola rotonda in occasione della quale si è discusso in che modo la sicurezza, in quanto compito fondamentale dello Stato, possa essere delegata anche a imprese private e se vi sia bisogno di un relativo disciplinamento nazionale.

Nel pomeriggio è stata illustrata, sulla base di esempi concreti tratti da situazioni quotidiane e di crisi, la collaborazione tra gli attori della sicurezza privati e pubblici. I partecipanti alla seconda tavola rotonda hanno inoltre discusso delle sfide e dei motivi di una collaborazione efficace.

L’esperienza dimostra che anche in caso di crisi gli organi di sicurezza statali ricorrono ai servizi di imprese private; quest’ultime sono difatti in grado di integrare rapidamente le capacità di questi organi. I rappresentanti di enti privati e pubblici hanno quindi discusso degli aspetti di cui occorre tenere particolarmente conto e degli insegnamenti che è stato possibile trarre da eventi come, ad esempio, la frana di Bondo nell’agosto del 2017.

Norman Gobbi, consigliere di Stato del Cantone Ticino e presidente della piattaforma politica della RSS, nel suo discorso di chiusura si è espresso a favore di una legislazione flessibile conforme al principio di sussidiarietà che lasci ai Cantoni la sovranità per quanto riguarda l’impostazione dell’esercizio delle proprie competenze.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 16.05.2019

Contatto

André Duvillard Rete integrata Svizzera per la sicurezza
T
+41 58 464 21 13
Contatto
Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto