Indicazioni geografiche: un sistema di protezione internazionale semplice a beneficio dei produttori svizzeri

Parole chiave: Proprietà intellettuale

Comunicati, Il Consiglio federale, 22.05.2019

Carne secca dei Grigioni, Formaggio d’alpe ticinese e orologi contrassegnati con "Swiss": nel mercato globale le indicazioni geografiche rappresentano un importante vantaggio concorrenziale. Con l’adesione della Svizzera all’Atto di Ginevra dell’Accordo di Lisbona dovrebbe diventare più facile ed economico per i produttori svizzeri proteggere questo tipo di indicazione in tutti i Paesi contraenti. La consultazione concernente l’adesione della Svizzera all’Atto di Ginevra, aperta dal Consiglio federale il 22 maggio 2019, si chiuderà il 20 settembre 2019.

L’essenziale in breve:

  • L'auspicio è che i produttori svizzeri possano proteggere le loro indicazioni geografiche in diversi Stati mediante una procedura unica semplificata.
  • Il Consiglio federale ha aperto la consultazione concernente l’adesione della Svizzera all’Atto di Ginevra dell’Accordo di Lisbona.
  • L’adesione faciliterebbe l’accesso alla protezione internazionale per i produttori svizzeri.

Carne secca dei Grigioni, Tête-de-Moine, Zuger o Rigi Kirsch e Swiss per gli orologi sono esempi di indicazioni geografiche conosciute che proteggono nomi di regioni e designazioni tradizionali di prodotti la cui qualità e le cui caratteristiche essenziali sono determinate dalla loro provenienza geografica. A trarne vantaggio sono, tra gli altri, i coltivatori di ciliegi delle zone attorno al Rigi e a Zugo nonché gli innumerevoli caseifici dell’Altipiano e delle regioni di montagna.

La protezione all'estero delle indicazioni geografiche dipende attualmente dalla legislazione vigente nel Paese in questione o dagli accordi bilaterali eventualmente conclusi tra la Svizzera e il Paese interessato. I produttori svizzeri che desiderano tutelare le proprie indicazioni geografiche sono costretti a presentare una domanda separata in ogni singolo Paese. L’adesione della Svizzera all’Atto di Ginevra dell’Accordo di Lisbona consentirebbe loro di tutelarsi in tutti i Paesi membri dell’Atto mediante una procedura semplice ed economica presso l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI).

L’Atto di Ginevra del 2015 è un accordo internazionale indipendente che modernizza l’Accordo di Lisbona del 1958 sulla protezione delle denominazioni d'origine e sulla loro registrazione internazionale e ne estende il campo di applicazione alle indicazioni geografiche. La Svizzera non ha ratificato l’Accordo di Lisbona.

Dal canto suo, l’entrata in vigore dell’Atto di Ginevra, che richiede la ratifica di un minimo di cinque Parti contraenti, è prevista nel 2019. Far parte del primo gruppo di Paesi firmatari vorrebbe dire per la Svizzera consolidare il proprio ruolo all'interno del nuovo sistema di protezione internazionale. La ratifica dell’Atto di Ginevra comporterebbe alcune modifiche puntuali della legge sulla protezione dei marchi (LPM).

Info complementari

Documentazione

(Questi documenti non sono disponibili in italiano)

Dossier

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 22.05.2019

Contatto

Contatto / informazioni

Felix Addor Istituto federale della Proprietà Intellettuale
T
+41 31 377 72 01
Contatto
Servizio della comunicazione DEFR
T
+41 58 462 20 07
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto
Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
T
+41 58 462 20 07
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina