Il Consiglio federale firma la convenzione del Consiglio d’Europa sulla protezione dei dati

Il Consiglio federale ha firmato il protocollo di emendamento alla convenzione 108 del Consiglio d’Europa sulla protezione dei dati. Nella seduta del 30 ottobre 2019, ha stabilito che adotterà entro la fine dell'anno il messaggio sull'approvazione del protocollo destinato al Parlamento. Con la firma la Svizzera si impegna a rispettare uno standard in materia di protezione dei dati riconosciuto su scala internazionale e contribuisce a rafforzare la tutela dei dati personali negli Stati contraenti.

L'adesione alla nuova versione della convenzione del Consiglio d’Europa sulla protezione dei dati riveste grande importanza per la Svizzera sia per quanto riguarda il rispetto della sfera privata sia per il traffico internazionale di dati. La convenzione migliora la protezione di cui beneficiano i cittadini svizzeri i cui dati sono oggetto di trattamento negli Stati contraenti e, semplificando lo scambio di dati tra le Parti, assicura che la trasmissione transfrontaliera di dati rimanga possibile senza ulteriori ostacoli. Infine, assume ampia portata anche in vista dell’imminente valutazione dell’adeguatezza del livello svizzero di protezione dei dati da parte dell'Unione europea (UE): l'adesione alla convenzione ha infatti un peso determinante ai fini della decisione dell'UE. Per tale motivo cresce anche l'interesse da parte degli Stati extraeuropei alla ratifica della convenzione, cosa che in futuro semplificherà lo scambio di dati con questi Paesi.

Nel messaggio del 15 settembre 2017 sulla revisione totale della legge sulla protezione dei dati (LPD), il Consiglio federale ha indicato di voler ratificare quanto prima possibile il protocollo di emendamento e ha pertanto già integrato in un progetto di revisione della LPD le modifiche di legge richieste per soddisfare i requisiti del protocollo. La revisione totale della LPD è attualmente al vaglio del Parlamento.

La convenzione del Consiglio d’Europa sulla protezione dei dati, entrata in vigore nel 1985 e ratificata nella sua forma originaria dalla Svizzera il 2 ottobre 1997, è il primo strumento internazionale vincolante nel settore. Negli ultimi anni, gli sviluppi tecnologici e le sfide della digitalizzazione hanno reso necessari alcuni adeguamenti da parte del Consiglio d’Europa. Il protocollo di emendamento è pronto per la firma dal 10 ottobre 2018 ed è stato ratificato ad oggi da più di 30 Stati.

Ultima modifica 30.10.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Simone Füzesséry
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 47 59
F +41 58 462 78 79

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/aktuell/news/2019/2019-10-30.html