Crediti al consumo: il tasso d’interesse massimo rimane invariato

Parole chiave: Credito e debiti | Consumatori

Comunicati, DFGP, 22.11.2019

Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha stabilito il tasso d’interesse massimo per i crediti al consumo nel 2020. Il tasso, invariato rispetto all’anno precedente, è del 10 per cento per i crediti in contanti e del 12 per cento per i crediti sotto forma di anticipo.

Dal 2016 il tasso d’interesse massimo è determinato in base a un meccanismo fissato nell’ordinanza concernente la legge sul credito al consumo (OLCC). Il tasso massimo, verificato ogni anno e all’occorrenza adeguato, si ottiene aggiungendo un determinato numero di punti percentuali al Libor a tre mesi e arrotondando per difetto o per eccesso il valore risultante. L’aggiunta è di 10 punti percentuali per i crediti in contanti, con un tasso d’interesse massimo di almeno il 10 per cento. Per i crediti sotto forma di anticipo, ad esempio le carte di credito, l’aggiunta è di 12 punti percentuali con un tasso massimo del 12 per cento almeno. La legge sul credito al consumo impone di determinare il tasso massimo tenendo conto dei costi di rifinanziamento degli istituti di credito.

Poiché il Libor a tre mesi permane negativo, il DFGP ha fissato il tasso d’interesse massimo riprendendo di nuovo i valori minimi previsti dall’OLCC (risp. 10 % e 12 %).

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 22.11.2019

Contatto

David Rüetschi Ufficio federale di giustizia
T
+41 58 462 44 18
Contatto