Migrazione e integrazione: scambio di esperienze tra i Paesi dell’OCSE sotto la presidenza di Karin Keller Sutter

Comunicati, DFGP, 17.01.2020

La consigliera federale Karin Keller Sutter ha presieduto una riunione ministeriale dell’OCSE sulla migrazione e l’integrazione, svoltasi giovedì 16 e venerdì 17 gennaio a Parigi. I partecipanti si sono scambiati le proprie esperienze e hanno identificato buone pratiche per affrontare le sfide legate alla migrazione e all’integrazione degli stranieri. Keller Sutter si è pronunciata a favore di una gestione della migrazione che consenta di reclutare efficacemente gli specialisti di cui le economie hanno bisogno, senza trascurare il legittimo bisogno di tutela della manodopera indigena.

<<
>>
La consigliera federale Keller Sutter presiede la conferenza ministeriale dell’OCSE sul tema migrazione e integrazione
enlarge_picture

La consigliera federale Keller Sutter presiede la conferenza ministeriale dell’OCSE sul tema migrazione e integrazione (photo: OCSE)

La consigliera federale Keller-Sutter con il suo collega francese Christophe Castaner
enlarge_picture

La consigliera federale Keller-Sutter con il suo collega francese Christophe Castaner (photo: Ministère de l'intéreur de France, A. Lejeune)

Primo inconro tra la nuova commissaria europea degli affari interni Ylva Johansson e la consigliera federale Karin Keller-Sutter
enlarge_picture

Primo inconro tra la nuova commissaria europea degli affari interni Ylva Johansson e la consigliera federale Karin Keller-Sutter (photo: DFGP)

La consigliera federale Karin Keller Sutter tiene il discorso d’apertura alla conferenza dell’OCSE sulla migrazione e l’integrazione
enlarge_picture

La consigliera federale Karin Keller Sutter tiene il discorso d’apertura alla conferenza dell’OCSE sulla migrazione e l’integrazione (photo: Keystone)

I rappresentanti dei 36 Paesi membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dei vari Paesi invitati all’incontro si sono espressi a favore di un approccio globale ed equilibrato alla migrazione. Si tratta di gestire in modo efficace le frontiere, di lottare contro la tratta di essere umani e di coordinare vie legali d’immigrazione conformemente alle esigenze del Paese d’accoglienza. Le politiche d’asilo devono inoltre prevedere il rimpatrio delle persone che non hanno diritto alla protezione umanitaria. Secondo i partecipanti, l’integrazione nel mercato del lavoro e nella società di accoglienza, anche dal punto di vista linguistico, è una condizione fondamentale per ottenere risultati positivi dalla migrazione.

Sfide comuni

La consigliera federale Karin Keller Sutter, che ha presieduto i lavori, ha rammentato che la maggior parte dei Paesi dell’OCSE si trova di fronte a una carenza di forza lavoro qualificata dovuta soprattutto allo sviluppo demografico. Il bisogno di manodopera implica tuttavia sfide politiche che in futuro diventeranno ancora più intense.

Il capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha osservato che sarebbe sbagliato e politicamente irresponsabile negare le tensioni che può causare l’immigrazione nel Paese d’accoglienza. L’integrazione di coloro che arrivano è quindi d’importanza primordiale poiché lasciare che si creino delle comunità parallele non può essere l’obiettivo della politica migratoria. La Svizzera ha in particolare presentato a Parigi l’«Agenda Integrazione» che stabilisce obiettivi ambiziosi per l’integrazione dei rifugiati e delle persone ammesse provvisoriamente nella società svizzera e nel mercato del lavoro.

La consigliera federale Keller Sutter è stata accompagnata da Urs Hofmann, presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia.

Incontri bilaterali

Il capo del DFGP ha approfittato dell’occasione per alcuni incontri bilaterali. Si è intrattenuta in particolare con il segretario generale dell’OCSE, Angel Gurria, lodando il contributo prezioso che l’OCSE fornisce ai suoi Paesi membri elaborando dati e analisi scientifiche utili per le politiche migratorie.

La visita a Parigi è stata per Karin Keller Sutter l’occasione per un primo contatto con la commissaria europea Ylva Johansson, responsabile degli affari interni nella nuova Commissione europea. I colloqui bilaterali con la signora Johansson e i ministri dell’interno francese, Christophe Castaner, e svedese, Morgan Johansson, si sono concentrati sui progetti di riforma dei sistemi Schengen e Dublino, sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea e sulla lotta al terrorismo.

Christophe Castaner e Karin Keller-Sutter si sono inoltre intrattenuti su alcune questioni aperte della cooperazione transfrontaliera di polizia franco svizzera e hanno convenuto di portare avanti nei prossimi mesi le discussioni in corso.

Link

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 17.01.2020

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto