Modernizzazione del diritto d'autore

Parole chiave: Proprietà intellettuale

Modifica della legge federale sul diritto d'autore e sui diritti di protezione affini.

Di che cosa si tratta?

La legge del 9 ottobre 1992 sul diritto d'autore e sui diritti di protezione affini (LDA) disciplina la protezione degli autori di opere letterarie e artistiche, degli artisti interpreti, dei produttori di supporti audio e audiovisivi e degli organismi di diffusione nonché la sorveglianza federale sulle società di gestione collettiva (art. 1 LDA). L'ultima modifica della legge risale al 2008, quando il Parlamento ha introdotto i primi adeguamenti al contesto digitale. Uno studio condotto dal gruppo di lavoro sul diritto d'autore istituito nel 2012 (AGUR12) ha evidenziato un potenziale di miglioramento determinato dalla progressiva digitalizzazione e dall'evoluzione tecnologica. In particolare, nel contesto legale vigente, i titolari dei diritti non sono riusciti a contrastare efficacemente la pirateria. Il progetto di modifica della legge sul diritto d'autore che il Consiglio federale ha messo in consultazione l'11 dicembre 2015 mira dunque in primo luogo a creare le condizioni affinché la pirateria possa essere contrastata con maggiore efficacia. Si intende altresì migliorare la gestione collettiva dei diritti d'autore. Il progetto prevede inoltre l'adozione di due trattati dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI): il Trattato di Pechino sulle interpretazioni ed esecuzioni audiovisive e il Trattato di Marrakech volto a facilitare l'accesso alle opere pubblicate per le persone non vedenti, con disabilità visive o con altre difficoltà nella lettura di testi a stampa. Durante il periodo di consultazione sono pervenuti ben 1224 pareri, tra loro in parte fortemente discordanti.

Cosa è stato fatto finora?

  • Il 30 novembre 2011, in adempimento del postulato 10.3263, il Consiglio federale approva un rapporto sulle utilizzazioni illecite di opere su Internet (in tedesco o francese), nel quale sostiene che il quadro giuridico è conforme alle esigenze (comunicato). Sostiene, tuttavia, che sia necessario seguire con attenzione l’evoluzione tecnologica e il dibattito a livello internazionale nonché riesaminare periodicamente la situazione.
  • L'8 agosto 2012 la Consigliera federale Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), istituisce un gruppo di lavoro incaricato di ottimizzare la gestione collettiva dei diritti d'autore e dei diritti di protezione affini (gruppo AGUR12), affidandone la presidenza all'Istituto Federale della Proprietà Intellettuale (IPI). Il gruppo AGUR12 ha il compito di esaminare la situazione attuale e di elaborare una serie di misure tese ad adeguare il diritto d'autore all'evoluzione tecnologica. Per garantire il coinvolgimento di tutti i gruppi di interesse, il gruppo AGUR12 si compone di sei esponenti del mondo culturale, tre esponenti ciascuno del mondo dei produttori, degli utenti e dei consumatori e alcuni esponenti dell'Amministrazione federale.
  • Tra l'8 ottobre 2012 e l'11 giugno 2013 il gruppo AGUR12 si riunisce sette volte.
  • Il 6 dicembre 2013 il gruppo AGUR12 pubblica il suo rapporto finale, nel quale propone un pacchetto di misure articolato attorno a cinque punti chiave: migliore informazione dei consumatori, ampliamento e quindi aumento dell'attrattiva delle proposte legali, semplificazione della lotta alla pirateria, incremento dell'efficienza e della trasparenza delle società di gestione nonché adeguamento delle restrizioni del diritto d'autore ai più recenti sviluppi. Le raccomandazioni formulate dal gruppo si rivolgono in parte ai titolari dei diritti e alle società di gestione e in parte al legislatore e all'Amministrazione federale.
  • Il Consiglio federale esamina tali raccomandazioni in data 6 giugno 2014 e incarica il DFGP di presentare un progetto preliminare entro la fine del 2015. 
  • La consultazione, aperta l'11 dicembre 2015, si conclude il 31 marzo 2016. Complessivamente pervengono 1224 pareri, in parte fortemente discordanti anche su quei punti del progetto elaborati in base alle raccomandazioni consensuali formulate dal gruppo di lavoro AGUR12, composto appunto da esponenti del mondo culturale, dei produttori, degli utenti e dei consumatori.
  • L'IPI conclude l'analisi dei pareri pervenuti a fine agosto 2016 e presenta i primi risultati al gruppo di lavoro AGUR12 e alle cerchie interessate, con l'obiettivo di rielaborare insieme il progetto di modifica e raggiungere così un consenso più ampio. 
  • Tra il 28 settembre 2016 e il 1 febbraio 2017 il gruppo di lavoro (rinominato in seguito AGUR12 II) si riunisce quattro volte. Il gruppo AGUR12 II comprende anche due esponenti dei fornitori di servizi Internet e un esponente dell'Ufficio federale di giustizia.
  • In data 2 marzo 2017 si sono conclusi i lavori del gruppo di lavoro sul diritto d'autore AGUR12 II, che ha raggiunto un compromesso su diversi punti in sospeso (comunicato). Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) integrerà i risultati dell'analisi del gruppo di lavoro nelle sue riflessioni sulla revisione della legge sul diritto d'autore (LDA) e, entro luglio 2017, presenterà al Consiglio federale una proposta sul modo di procedere.

Risultati della procedura di consultazione

Info complementari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 03.03.2017

Contatto

Contatto / informazioni

Emanuel Meyer Istituto Federale della Proprietà Intellettuale
T
+41 31 377 72 23
Contatto