I valori di riferimento per la rappresentanza dei sessi e le regole di trasparenza per il set-tore delle materie prime entrano in vigore a inizio 2021

Berna, 11.09.2020 - In futuro le grandi imprese quotate in borsa dovranno eleggere più donne nella direzione e nel consiglio d’amministrazione. Nella seduta dell’11 settembre 2020, il Consiglio federale ha posto in vigore per il 1° gennaio 2021 le pertinenti dispo-sizioni sui valori di riferimento per la rappresentanza dei sessi. Dalla medesima data, alle aziende attive nella produzione di materie prime si applicheranno di-sposizioni in materia di trasparenza più severe.

L'essenziale in breve:

  • In futuro vi dovranno essere più donne nelle posizioni di quadro e le prescrizioni sulla trasparenza nel settore delle materie prime saranno più severe.
  • Il Consiglio federale pone in vigore le pertinenti disposizioni del Codice delle obbligazioni (CO) il 1° gennaio 2021.
  • Le rimanenti modifiche della revisione del diritto della società anonima entreranno probabilmente in vigore nel 2022.

Il 16 giugno 2020 il Parlamento ha approvato la revisione del diritto della società anonima. Il progetto contiene tra le altre cose l'attuazione sul piano legale dell'iniziativa contro le retribuzioni abusive, nuove disposizioni che consentono maggiore flessibilità in materia di costituzione e capitale, l'introduzione di valori di riferimento per la rappresentanza dei sessi e regole più severe sulla trasparenza applicabili alle imprese attive nella produzione di materie prime. Le due ultime modifiche non necessitano disposizioni esecutive. Il Consiglio federale mette pertanto in vigore le relative modifiche del CO già il 1° gennaio 2021. Gli altri adeguamenti del diritto della società anonima richiedono disposizioni esecutive ed entreranno probabilmente in vigore nel 2022.

Più donne tra i quadri delle imprese quotate in borsa

In futuro le grandi imprese quotate in borsa con sede in Svizzera dovranno impiegare un maggiore di quadri di sesso femminile. In concreto si applicano valori di riferimento secondo cui la presenza femminile in seno al consiglio d'amministrazione dovrà essere almeno del 30 per cento e almeno del 20 per cento nella direzione. Se questi valori non sono rispettati la imprese deve, nel rapporto sulle remunerazioni, indicare i motivi e illustrare le misure per migliorare la situazione. L'obbligo di presentare tale rapporto inizia per il consiglio d'amministrazione cinque e per la direzione dieci anni dopo l'entrata in vigore delle disposizioni nel gennaio 2021. La nuova normativa tiene conto dell'obbligo costituzionale di garantire la parità uomo-donna.

Maggiore trasparenza nel settore delle materie prime

Le imprese svizzere attive nel settore della produzione di materie prime devono in futuro rendere pubblici in un rapporto elettronico i pagamenti a servizi statali superiori a 100 000 franchi per esercizio. Le nuove disposizioni creano maggiore trasparenza e contribuiscono a far sì che le imprese agiscano in modo responsabile. Il Consiglio federale può estendere queste disposizioni al commercio di materie prime, se al riguardo vi è un coordinamento su scala internazionale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Karin Poggio, Ufficio federale di giustizia UFG, T. +41 58 462 41 12


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 02.07.2020

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/mm.msg-id-80358.html