Annullamento di sentenze rese contro le persone che hanno salvato rifugiati

Berna, 09.12.2002. Il Consiglio federale approva l'annullamento delle sentenze pronunciate nei confronti delle persone che hanno aiutato i rifugiati all'epoca del nazismo e la riabilitazione degli interessati. Lo afferma nel suo parere relativo al rapporto e al progetto di legge della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale.

La riabilitazione delle persone che hanno aiutato i rifugiati va accolta poiché dal punto di vista attuale le sentenze in questione appaiono ingiuste; è quanto afferma il Consiglio federale nel suo parere approvato lunedì. Inoltre, è opportuno procedere a una riabilitazione poiché molte di queste persone hanno agito con impegno disinteressato, correndo talvolta pericoli considerevoli. Parecchie si sono ritrovate a loro volta in difficoltà a causa delle sentenze pronunciate nei loro confronti.

Il progetto di legge prevede un doppio meccanismo: da un lato, sono generalmente annullate le sentenze nei confronti delle persone che hanno aiutato i rifugiati. Dall'altro, una "commissione di riabilitazione" indipendente, da istituire ex novo, deve stabilire espressamente nel singolo caso, su richiesta o d'ufficio, l'annullamento di una determinata sentenza nei confronti di tali persone. L'annullamento delle sentenze non deve dar diritto a risarcimenti o riparazioni.

Documenti

Ultima modifica 09.12.2002

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Servizio stampa
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48
(Für alte MM verwenden, E-Mail: media@bj.admin.ch, Tel.: RYI)

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2002/2002-12-090.html