Proteggere meglio le vittime della violenza domestica

In futuro le vittime di violenza, minacce e insidie godranno di una migliore protezione. Giovedì il Consiglio federale ha fissato l’entrata in vigore delle nuove disposizioni del Codice civile (CC) al 1° luglio 2007. Questo termine concede ai Cantoni il tempo necessario per emanare le disposizioni di esecuzione.

Secondo le nuove disposizioni del CC, a tutela della vittima il giudice potrà in futuro ordinare alla persona violenta di lasciare l’abitazione che condivide con la vittima o di non entrarvi per un determinato periodo di tempo. Questa disposizione offre alla vittima di violenza domestica un’alternativa alla fuga dalla propria abitazione.

I giudici potranno inoltre vietare alla persona violenta di avvicinarsi all’abitazione o alla vittima e di mettersi in contatto con lei. Queste ulteriori misure di protezione da minacce e insidie (cosiddetto "stalking") possono essere adottate indipendentemente dal fatto che tra la vittima e la persona violenta vi sia o vi sia stata una relazione.

La modifica del CC è stata licenziata il 23 giugno 2006 dal Parlamento. Il termine di referendum è trascorso inutilizzato il 12 ottobre. In un punto, la nuova protezione della persona richiede l’emanazione di disposizioni cantonali di esecuzione. I Cantoni devono infatti designare un’autorità che in caso di crisi possa ordinare l’immediata espulsione della persona violenta dall’abitazione comune, e disciplinare la procedura.

Ultima modifica 21.12.2006

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2006/2006-12-21.html