Ordinanza sull’affiliazione sul banco di prova

Berna. La maggior parte dei Cantoni ritiene necessarie una regolamentazione vincolante e condizioni chiare nell’ordinanza sull’affiliazione, per garantire un’affiliazione efficiente. Mercoledì, il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di esaminare le questioni sollevate dai Cantoni nell’ambito della consultazione e, se necessario, preparare una revisione dell’ordinanza.

In generale i Cantoni ritengono che l’ordinanza sull’accoglimento di minori a scopo di affiliazione e di adozione (OAMin) abbia in linea di principio dato buona prova e offra una base legale sufficiente per l’autorizzazione e la vigilanza del collocamento di un minore. Ciononostante, nell’ambito della procedura di consultazione concernente un rapporto peritale, 18 Cantoni ritengono necessaria o perlomeno opportuna una revisione della OAMin. Soltanto 8 Cantoni respingono una revisione, essendo del parere che i problemi non siano dovuti all’ordinanza, bensì all’esecuzione.

I fautori di una revisione osservano in particolare che sono necessarie linee direttive concrete della Confederazione per perfezionare e professionalizzare l’affiliazione, al fine di garantire ai minori una buona assistenza, educazione e formazione. Ritengono inoltre necessaria un’uniformazione della prassi dei Cantoni. Infine l’ordinanza, ormai in vigore da oltre trent’anni, dovrebbe essere adattata alle condizioni sociali attuali.

Documenti

Ultima modifica 16.01.2008

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Servizio stampa
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48
(Für alte MM verwenden, E-Mail: media@bj.admin.ch, Tel.: RYI)

Stampare contatto

https://www.metas.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2008/2008-01-16.html