Accettata la modifica della legge sull’asilo per velocizzare le procedure: reazione della consigliera federale Simonetta Sommaruga

Consigliera federale Simonetta Sommaruga. Vale il testo parlato.

 
Stimati giornalisti, Signore e Signori,
   

oggi il Popolo ha accolto – con il 66,8 per cento dei voti – la legge per procedure d’asilo più veloci. Il Consiglio federale prende atto con grande soddisfazione del «sì» popolare.

Oggi i cittadini hanno sancito nella legge due principi:

Primo, che le procedure d’asilo vengono rese più veloci.
E secondo, che le procedure d’asilo in Svizzera sono eque e conformi allo Stato di diritto.

Sono due principi che – ne sono convinta – stanno a indicare una politica credibile in materia d’asilo.
   

Negli ultimi cinque anni e mezzo abbiamo investito molto lavoro in questa legge. Oggi mi preme ricordare ancora il modo in cui è stata elaborata:

Questa legge è un opera che ha coinvolto molti attori.

  • penso ai Cantoni, coinvolti sin dall’inizio
  • penso alle città e ai Comuni, altrettanto coinvolti
  • penso alle opere d’assistenza che sono intervenute
  • e penso ai numerosi membri delle Camere federali che hanno discusso intensamente la legge, che alla fina ha raccolto il sostegno di tutti i partiti.

A tutti loro vanno i miei ringraziamenti.
   

Tutti sanno che questa legge non risolve tutti i problemi. Lo ripeto anche oggi. E dico di più: Ogni politica d’asilo sarà sempre controversa. Ed è normale che sia così.

Infatti, ogni politica d’asilo risponde anche alla domanda su come gestire le conseguenze di guerre, oppressione, povertà e mancanza di opportunità.

E ogni politica d’asilo risponde anche alla domanda seguente: Come trattiamo le persone che da lontano vengono da noi per i motivi più svariati?

Le risposte a queste domande divergeranno sempre, in ogni società. E queste domande continueranno a suscitare controversie ed emozioni anche in futuro.

Tanto più mi rallegro che i cittadini oggi hanno espresso molto nettamente di ritenere credibile la via intrapresa in materia di asilo e di volerla sostenere.
   

Una politica d’asilo credibile però va oltre le procedure eque; comprende in particolare l’impegno internazionale:

  • La Svizzera continuerà a impegnarsi in favore dell’urgente sviluppo della politica europea in materia d’asilo.
  • Porteremo avanti il nostro impegno nelle regioni in guerra e in conflitto, agendo su vari fronti
    • in veste di mediatori, ma anche
    • offrendo aiuto in loco.
  • Continueremo assiduamente a cercare la cooperazione con i Paesi di provenienza.
    • Negli ultimi cinque anni abbiamo stipulato oltre una dozzina di accordi in materia di migrazione e di riammissione.
    • E intendiamo portare avanti questi sforzi.
         

Signore e Signori, permettetemi qualche parola sui prossimi passi, ossia sull’attuazione della nuova legge:

Sapete che l’attuazione sarà lunga e ardua.

Non perderemo tempo. Il mandato per attuare la revisione della legge sull’asilo è pronto – domani lo firmerò. Non appena lo avranno firmato anche i consiglieri di Stato Käser e Gomm, ossia i presidenti della CDDGP e della CDOS, i lavori di attuazione avranno subito inizio.

Affronteremo anche questo lavoro insieme, vale a dire con lo stesso spirito che ci ha guidati nell’elaborare la legge.
   

Ultima modifica 05.06.2016

Inizio pagina