Sommaruga riceve il ministro di giustizia macedone Adnan Jashari

Berna. Oggi la consigliera federale Sommaruga ha ricevuto il ministro di giustizia macedone Adnan Jashari per un incontro di lavoro a Berna. Al centro dei colloqui il funzionamento della giustizia svizzera, con particolare accento sull’indipendenza e la trasparenza. I due Ministri di giustizia hanno anche discusso la possibilità di cooperazioni bilaterali in materia giudiziaria.

Nella trasmissione "Infrarouge", la consigliera federale Simonetta Sommaruga sostiene il "no" all’iniziativa per l’attuazione

RTS, Infrarouge: nella trasmissione Infrarouge, la consigliera federale Sommaruga illustra la posizione del Consiglio federale, che raccomanda di respingere l’iniziativa per l’attuazione su cui si vota il 28 febbraio. Sommaruga spiega che l’iniziativa è inumana – con il suo automatismo assoluto che tratta tutti gli stranieri come persone di seconda classe –, pregiudica la certezza giuridica e la stabilità della Svizzera. La sua accettazione renderebbe inoltre ancora più difficili le già complicate trattative con l’UE. Nella trasmissione la Consigliera federale ha discusso con sostenitori e avversari dell’iniziativa.

L’iniziativa per l’attuazione viola i principi fondamentali della democrazia

Berna. L’iniziativa popolare federale "Per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri che commettono reati (Iniziativa per l’attuazione)" elude il legislatore e limita le competenze dei giudici. Tutto ciò è contrario ai principi fondamentali della democrazia e mette in discussione lo Stato di diritto. In caso di accettazione, le disposizioni proposte, in conflitto sia con i diritti dell’uomo sia con l’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) con l’UE, ostacolerebbero ulteriormente i rapporti bilaterali della Svizzera con il suo principale partner commerciale. Per questi motivi il Consiglio federale e il Parlamento respingono l’iniziativa per l’attuazione.

Temi attuali

DFGP - Dossier , 22.12.2015

Iniziativa popolare federale "Per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri che commettono reati (Iniziativa per l’attuazione)"

Il 28 febbraio 2016 l’iniziativa per l’attuazione sarà sottoposta al voto di Popolo e Cantoni. Il Parlamento aveva già inasprito le leggi dopo l’accettazione dell’iniziativa espulsione. Senza aspettare l’esito di tali lavori legislativi, i promotori hanno deciso di depositare un’altra iniziativa popolare per imporre il loro volere, eludendo il legislatore e limitando massicciamente le competenze dei giudici. L’iniziativa per l’attuazione infrange i principi fondamentali della nostra democrazia e mette in discussione il nostro Stato di diritto. Ecco perché il Consiglio federale la respinge.

SEM - Dossier , 18.12.2015

Attuazione delle nuove disposizioni costituzionali sull’immigrazione

Accogliendo l’iniziativa "Contro l’immigrazione di massa”, il 9 febbraio 2014 il Popolo svizzero ha impresso una svolta alla politica migratoria. In futuro s’intende limitare l’immigrazione applicando tetti massimi e contingenti annuali. A giugno il Consiglio federale ha presentato un piano per regolare l’immigrazione. Entro la fine dell’anno il DFGP elaborerà un avamprogetto di legge, da sottoporre a consultazione, che tenga conto dei principi fondamentali esposti nel piano. L’attuale libera circolazione delle persone tra l’UE, l’AELS e la Svizzera resta in essere fino alla modifica della legislazione.

La consigliera federale

(Foto: Ruben Wyttenbach)

Simonetta Sommaruga

Il 22 settembre 2010 l’Assemblea federale plenaria ha eletto Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Dal 1° novembre 2010 è a capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia. Il 3 dicembre 2014 l’Assemblea federale ha eletto la consigliera federale Simonetta Sommaruga alla carica di presidente della Confederazione per il 2015.

FAQ