<<
>>
La consigliera federale Simonetta Sommaruga si intrattiene con richiedenti l’asilo minorenni non accompagnati, durante il pranzo in occasione della visita al villaggio per bambini Pestalozzi.
La consigliera federale Simonetta Sommaruga rende visita a richiedenti l’asilo minorenni

Poco prima di Natale, il 22 dicembre 2016, la consigliera federale Simonetta Sommaruga si è recata in visita al villaggio Pestalozzi di Trogen (Appenzello esterno). A pranzo si è intrattenuta con richiedenti l’asilo minorenni non accompagnati. La Consigliera federale ha sottolineato l’importanza di una buona assistenza e formazione per i minorenni. Visto che una loro rapida integrazione sarebbe nell’interesse di tutti, occorrerebbe assicurare una buona cooperazione tra la Confederazione, i Cantoni, i Comuni e i privati, come nel caso di Trogen.

La nuova legislazione "Swissness"

I prodotti e i servizi svizzeri godono di un’ottima reputazione sia in Svizzera che all’estero. Le indicazioni di provenienza svizzere vengono quindi usate spesso e volentieri, purtroppo sempre più frequentemente anche da truffatori. La nuova legislazione "Swissness" rafforza la protezione della designazione "Svizzera" e della croce svizzera. Contribuisce a impedire e ad arginare gli abusi e quindi a consolidare la buona reputazione del "marchio Svizzera". La nuova legislazione "Swissness" è in vigore dal 1° gennaio 2017.

Articolo sull’immigrazione: no all’abrogazione, sì al controprogetto all’iniziativa RASA

Il Consiglio federale aveva deciso già il 26 ottobre 2016 di presentare un controprogetto diretto all’iniziativa RASA che chiedeva la dell’articolo sull’immigrazione dalla Costituzione federale. Il 21 dicembre 2016 il cancellazione Consiglio federale ha incaricato il DFGP di elaborare due varianti di controprogetto. Entrambe le varianti mantengono il mandato costituzionale di regolare l’immigrazione nonostante il numero d’immigrati sia in calo. Assicurano inoltre il mantenimento degli Accordi bilaterali. Il Consiglio federale porrà in consultazione le due varianti all’inizio del 2017. Intende in tal modo consentire un’ampia discussione. Infine il Popolo deve avere la possibilità di esprimersi sulla questione alle urne.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga
Sì alla naturalizzazione agevolata per gli stranieri della terza generazione

Il Consiglio federale e il Parlamento ritengono che, se lo desiderano, i giovani stranieri della terza generazione che sono nati in Svizzera, vi hanno frequentato le scuole e sono ben integrati devono poter acquisire più agevolmente la cittadinanza svizzera, affinché possano diventare cittadini a pieno titolo con i relativi diritti e doveri. Raccomandano quindi di accettare la modifica costituzionale riguardante la naturalizzazione agevolata per gli stranieri della terza generazione, in votazione il 12 febbraio 2017. Il 20 dicembre 2016, la consigliera federale Simonetta Sommaruga, di concerto con i rappresentanti dei Cantoni e delle città, ha presentato gli argomenti a favore della modifica costituzionale.

Immagine illustrativa: Corsi delle azioni
Il Consiglio federale vuole modernizzare il diritto della società anonima

Nella seduta del 23 novembre 2016 il Consiglio federale ha trasmesso al Parlamento un messaggio volto a modernizzare il diritto della società anonima imperniato sull’allentamento delle disposizioni sulla costituzione e sul capitale, sul rafforzamento dei diritti degli azionisti e sulla regolamentazione moderata delle disposizioni in materia di retribuzioni e trasparenza. Il Consiglio federale vuole inoltre rendere più trasparenti i flussi finanziari nel settore delle materie prime. Con l'introduzione di valori di riferimento sarà inoltre promossa la parità dei sessi tra i vertici di grandi società quotate in borsa.

Temi attuali
Immagine illustrativa: follaImmagine illustrativa: folla
SEM - Dossier , 16.12.2016

Attuazione dell’articolo costituzionale sull’immigrazione

Il 9 febbraio 2014 il Popolo e i Cantoni, accogliendo l’iniziativa "Contro l’immigrazione di massa", si sono detti a favore di una regolazione dell’immigrazione. Il nuovo articolo costituzionale chiede, tra l’altro, la rinegoziazione dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) con l’Unione europea. Dopo la Brexit, alla fine di giugno 2016, è tuttavia chiaro che non è possibile trovare una soluzione negoziale con l’UE. Nel frattempo, il Parlamento ha approvato una legge compatibile con l’ALC e quindi con gli Accordi bilaterali con l’UE, ma che non attua pienamente l’articolo costituzione sull’immigrazione. Per questo motivo, il Consiglio federale è dell’opinione che i cittadini debbano potersi esprimere sulla questione alle urne. Si è quindi pronunciato a favore di un controprogetto all’iniziativa RASA, che chiede la cancellazione dell’articolo costituzionale. Il controprogetto mantiene il mandato costituzionale di regolare l’immigrazione anche se il numero di immigrati è in diminuzione e non pregiudica gli Accordi bilaterali. Il 16 dicembre 2016 il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare due varianti, che saranno poste in consultazione all’inizio del 2017.

Immagine illustrativa: folla
DFGP - Dossier , 27.12.2016

Votazione: sì alla naturalizzazione agevolata

Il 12 febbraio 2017 il Popolo è chiamato a esprimersi sulla naturalizzazione agevolata per i giovani stranieri della terza generazione. Anche per questi giovani la Svizzera è la patria, solo che loro non hanno il passaporto rossocrociato. Il Consiglio federale e il Parlamento vorrebbero tenere conto della situazione particolare di queste persone: se vogliono la cittadinanza svizzera, con tutti i rispettivi diritti e doveri, devono poterla ottenere in maniera agevolata – come già previsto da anni per i coniugi stranieri di cittadini svizzeri. I requisiti restano immutati: viene naturalizzato solo chi è ben integrato e non vi è una naturalizzazione automatica. Il Consiglio federale e il Parlamento raccomandano di accettare l’iniziativa sulla naturalizzazione agevolata dei giovani stranieri della terza generazione.

La consigliera federale
Consigliera federale Simonetta Sommaruga (Foto: Martina Rieder)
(Foto: Martina Rieder)

Simonetta Sommaruga

Il 22 settembre 2010 l’Assemblea federale plenaria ha eletto Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Dal 1° novembre 2010 è a capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP). Nel 2015 è stata presidente della Confederazione.

Domande e risposte