I Cantoni mettono a disposizione alloggi supplementari per i richiedenti d’asilo

Berna, 25.08.2023 - Il 25 agosto 2023 la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider ha discusso della situazione nel settore dell’asilo, in particolare della questione dell’alloggio, in un incontro regolare con i rappresentanti dei Cantoni. Questi ultimi hanno annunciato alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) la disponibilità di circa 1800 posti supplementari, 600 dei quali potranno essere utilizzati rapidamente dalla SEM, mentre sono in corso accertamenti per gli altri 1200 posti. Dal canto suo l’esercito sta esaminando in quale misura può continuare a sostenere la SEM, che avrà quindi maggior margine di manovra per alloggiare i richiedenti l’asilo, la cui prima accoglienza rientra nella responsabilità della Confederazione. L’obiettivo comune della Confederazione e dei Cantoni è di evitare attribuzioni anticipate ai Cantoni.

La consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), ha ringraziato i rappresentanti della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS), della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP), delle città e dei comuni, nonché del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) per il loro aiuto nel mettere a disposizione della Confederazione alloggi supplementari in una situazione già tesa. Si è detta fiduciosa di riuscire a gestire insieme le sfide del settore dell'asilo.

Attualmente la SEM stima che nel 2023 saranno presentate circa 28 000 domande d'asilo o, secondo uno scenario meno probabile, circa 35 000. A queste cifre si aggiungono dalle 20 000 alle 23 000 persone che sono in fuga dall'Ucraina e beneficiano dello statuto di protezione S; la Confederazione è responsabile per la loro prima accoglienza. Attualmente, nei centri federali per richiedenti l'asilo sono disponibili circa 6400 posti, a cui si aggiungono 3700 posti supplementari messi a disposizione dall'esercito.

In autunno possibili difficoltà per gli alloggi

La SEM ritiene che, a causa di tale aumento, in autunno potrebbero mancare alloggi. Per tale ragione, a fine aprile 2023, il Consiglio federale aveva preventivamente chiesto al Parlamento di votare un credito di 132,9 milioni di franchi per la costruzione e l'esercizio di villaggi di container temporanei. Questa soluzione avrebbe permesso di garantire l'alloggio dei richiedenti l'asilo nelle strutture della Confederazione.

Dopo che il Parlamento ha rifiutato questo credito nella sua sessione estiva, la SEM ha invitato i Cantoni a esaminare se dispongono di rifugi della protezione civile da mettere a disposizione della Confederazione. Il 25 agosto 2023 i Cantoni hanno annunciato di poter offrire rapidamente un totale di circa 600 posti supplementari, mentre continuano gli accertamenti per i 1200 altri posti. Dal canto suo l'esercito sta verificando in quale misura può continuare a sostenere la SEM.

La SEM dispone così di circa 11 000 alloggi, il che aumenta la sua capacità di affrontare le oscillazioni. È tuttavia impossibile escludere completamente che il ritmo degli arrivi e i profili dei richiedenti rendano necessario assorbire i picchi anticipando l'attribuzione ai Cantoni, come permette la legge sull'asilo. La consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider ha sottolineato che la Confederazione e i Cantoni condividono l'obiettivo di evitare le attribuzioni anticipate, che ostacolano il corretto svolgimento della procedura d'asilo accelerata e creano grandi difficoltà ai Cantoni.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio di comunicazione DFGP
info@gs-ejpd.admin.ch
T +41 58 462 18 18


Pubblicato da

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Segreteria di Stato della migrazione
https://www.sem.admin.ch/sem/it/home.html

Ultima modifica 06.06.2024

Inizio pagina

https://www.metas.ch/content/ejpd/it/home/attualita/mm.msg-id-97485.html