<<
>>
Da sinistra a destra: Christian Varone (vicepresidente della CDDGP), Hans-Jürg Käser (direttore dell’ERSS 19), la consigliera federale Karin Keller-Sutter e il consigliere di Stato Urs Hofmann (presidente della CDDGP)
ERSS 19: gestione di una situazione di crisi dovuta a una minaccia terroristica

L’obiettivo delle 52 ore di esercitazione continua è testare le strutture e le procedure di sicurezza in vigore adottate nel nostro Paese in caso di minaccia terroristica persistente. In occasione della conferenza stampa tenutasi sta mattina al Centro media di Palazzo federale la consigliera federale Karin Keller-Sutter, accompagnata dal consigliere di Stato Urs Hofmann e da Christian Varone, rispettivamente presidente e vicepresidente della CDDGP, e da Hans-Jürg Käser, direttore dell’Esercitazione della Rete integrata Svizzera per la sicurezza 2019 (ERSS 19), ha presentato il contesto dell’esercitazione di stato maggiore ERSS 19 che si svolgerà dall’11 al 13 novembre 2019.

*
#EJPDdigital

La digitalizzazione è un processo in atto da circa 30 anni. Caratterizza anche l’attività quotidiana del DFGP ed è di assoluta priorità. Il DFGP coordina ad esempio i lavori per le basi legali del progetto di digitalizzazione "Justitia 4.0", gestisce numerosi sistemi informatici per la sicurezza della Svizzera o soluzioni elettroniche nel settore dell’asilo e offre ai cittadini e all’economia molti servizi digitali.

La Consigliera federale Keller-Sutter incontra Papa Francesco
La consigliera federale Keller Sutter a Roma per una canonizzazione in Vaticano e un incontro con la ministra dell’interno

Domenica, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha partecipato, in rappresentanza del Consiglio federale, alla cerimonia di canonizzazione di Marguerite Bays (1815-1879). In tale occasione è stata ricevuta da Papa Francesco e ha reso visita alla Guardia Svizzera Pontificia.

Consiglio GAI: la consigliera federale Karin Keller-Sutter partecipa all’incontro a Lussemburgo

La consigliera federale Karin Keller-Sutter si è recata in Lussemburgo per partecipare all’incontro dei ministri della giustizia e degli affari interni degli Stati Schengen. In tale occasione ha difeso la posizione critica della Svizzera riguardo al meccanismo puntuale di distribuzione dei migranti intercettati nel Mediterraneo, attualmente discusso nel Consiglio. Durante l’incontro si è anche discussa l’interconnessione dei sistemi d’informazione, volta a rafforzare la protezione delle frontiere esterne. La Consigliera federale ha inoltre colto l’occasione per una serie di incontri bilaterali.

Rita Hagl-Kehl, segretaria di Stato, Ministero di giustizia e per la protezione dei consumatori (Germania), la consigliera federale Karin Keller-Sutter, Mauro Pedrazzini, ministro di giustizia a.i. (Liechtenstein), Sam Tanson, ministro di giustizia (Lussemburgo), Andreas Pollak, capo dello Stato maggiore per gli affari europei e internazionali (Austria)
La Consigliera federale Keller-Sutter all’incontro dei ministri di giustizia germanofoni nel Liechtenstein

La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha partecipato a Vaduz all’incontro dei ministri di giustizia germanofoni. I ministri hanno affrontato temi quali la digitalizzazione presso le autorità di giustizia e di perseguimento penale, i diritti degli azionisti e la gestione di valori patrimoniali bloccati. La Consigliera federale ha inoltre incontrato sua altezza il principe ereditario Alois del Liechtenstein e il capo del Governo del Liechtenstein Adrian Hasler.

Tweets

Temi attuali

*

Divieto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale

Votazione popolare del 9 febbraio 2020: divieto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale. Il Consiglio federale e il Parlamento ritengono che nessuno debba essere discriminato a causa della sua omo-, etero- o bisessualità. L’estensione della norma penale antirazzismo rafforza la protezione contro la discriminazione basata sull’orientamento sessuale. La libertà di espressione non ne risulta violata.

*

Iniziativa sulla limitazione – Il Consiglio federale non vuole denunciare la libera circolazione delle persone

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare "Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)". L’iniziativa chiede al Consiglio federale di revocare per via negoziale l’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) con l’UE entro un anno e, se ciò non dovesse riuscire, di denunciarlo unilateralmente. In caso di denuncia unilaterale dell’ALC sarebbero annullati anche tutti gli altri sei Accordi bilaterali I, con conseguenze dannose per la Svizzera.

Tweets

La consigliera federale

Ritratto della consigliera federale Karin Keller-Sutter
(Foto: DFGP)

Karin Keller-Sutter

La consigliera federale Karin Keller-Sutter, eletta in Consiglio federale il 5 dicembre 2018, è a capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) dal 1° gennaio 2019.

Formazione professionale nel DFGP