<<
>>
La consigliera federale Simonetta Sommaruga in occasione del discorso
Misure coercitive a scopo assistenziale: la consigliera federale Sommaruga ringrazia la Tavola rotonda per il suo impegno

La Tavola rotonda per la rielaborazione delle misure coercitive a scopo assistenziale e dei collocamenti extrafamiliari prima del 1981 ha concluso il proprio compito e ha tenuto la sua ultima seduta a febbraio. In un evento svoltosi giovedì a Berna, la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha ringraziato tutti i partecipanti per il loro prezioso impegno. Anche se hanno richiesto molte energie soprattutto alle persone oggetto di misure, gli sforzi della Tavola rotonda sono stati proficui: dopo che la società ha per troppo tempo chiuso gli occhi, sono stati fatti grandi progressi in poco tempo.

"17 Paesi europei applicano già il blocco di siti"

La nuova legge sui giochi in denaro è discussa a causa dei blocchi dell’accesso a siti Internet. Il ministro della giustizia Simonetta Sommaruga ha risposto alle domande dei lettori sui blocchi di accesso alla rete e sulle case da gioco on line.

Illustrazione Agenda Integrazione
Confederazione e Cantoni concordi su un’Agenda Integrazione comune

I rifugiati devono poter accedere più rapidamente al mondo del lavoro per riuscire a mantenersi da sé. Ecco perché la Confederazione e i Cantoni potenziano l’integrazione prevedendo investimenti più consistenti e obiettivi concreti, fissati in un’apposita Agenda Integrazione. Investire nell’integrazione conviene a tutti e permette di risparmiare milioni in futuro.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga con i ministri della giustizia Nicole Belloubet, dell’interno Gérard Collomb e delle finanze Bruno Le Maire
Più di 70 Stati, tra cui la Svizzera, si adoperano per lottare contro il finanziamento del terrorismo

Giovedì, 26 aprile 2018, in occasione di una conferenza internazionale svoltasi a Parigi, più di 70 Stati – tra cui la Svizzera – e una ventina di organizzazioni si sono impegnati a intensificare la lotta contro il finanziamento del terrorismo. I partecipanti hanno adottato una dichiarazione che prevede un catalogo di misure. La consigliera federale Simonetta Sommaruga, che alla conferenza ha rappresentato la Svizzera insieme al segretario di Stato per le questioni finanziarie internazionali Jörg Gasser, ha sottolineato l’impegno del nostro Paese – una delle principali piazze finanziarie al mondo – in questa lotta.

ritaglio di notizie
"Si esulterebbe a Malta e in Gibilterra"

Nell’intervista con i media regionali della NZZ la consigliera federale Sommaruga mette in guardia dalle conseguenze di un rifiuto della legge sui giochi in denaro: "Chi vota No pensando che non cambierà niente sbaglia. Senza la legge sempre più denaro andrà alle offerte in linea estere non autorizzate, senza che la popolazione svizzera ne tragga alcun vantaggio.”
Maggiori informazioni sono reperibili nella rubrica "Domande e risposte" e nelle spiegazioni del Consiglio federale.

Modernizzare il mercato dei giochi in denaro continuando a controllarlo: sì alla legge sui giochi in denaro

La legge sui giochi in denaro, su cui siamo chiamati a votare il 10 giugno 2018, garantisce tre elementi fondamentali: primo, protegge le persone dipendenti dal gioco; secondo, controlla gli organizzatori; terzo, anche in futuro i proventi dei giochi in denaro saranno destinati alla collettività. Per questi motivi il Consiglio federale, il Parlamento e i Cantoni raccomandano di votare Sì alla legge sui giochi in denaro. Maggiori informazioni sono reperibili nella rubrica "Domande e risposte" e nelle spiegazioni del Consiglio federale.

Temi attuali

Votazione popolare del 10 giugno 2018: legge federale sui giochi in denaro

A settembre 2017 il Parlamento ha adottato con netta maggioranza la nuova legge sui giochi in denaro che conferma la politica consolidata caratterizzata da regole e controlli chiari. Infatti, chi intende organizzare giochi in denaro in Svizzera deve rispettare il diritto svizzero e fornire un contributo a favore della collettività. La nuova legge lo garantisce. Al contempo permette di compiere il passo verso l’era digitale, da tempo necessario, autorizzando l’offerta di giochi in denaro su Internet. Migliora inoltre la prevenzione, la protezione dalla dipendenza dal gioco nonché la lotta contro le manipolazioni di scommesse sportive e il riciclaggio di denaro. Diversi gruppi hanno lanciato il referendum contro la legge.

Iniziativa per l'autodeterminazione

Iniziativa popolare «Il diritto svizzero anziché giudici stranieri (Iniziativa per l'autodeterminazione)»

L'iniziativa per l'autodeterminazione è stata depositata il 12 agosto 2016. Essa chiede che la Svizzera rinegozi e, se necessario, denunci i trattati internazionali che contraddicono alla Costituzione. Inoltre, obbliga le autorità a non curarsi dei vigenti obblighi internazionali, il che contraddice la nostra cultura giuridica. L'iniziativa compromette quindi la stabilità e l'affidabilità della Svizzera e pregiudica la certezza e la prevedibilità del diritto, ossia due requisiti fondamentali per la nostra piazza imprenditoriale. Nel messaggio, il Consiglio federale propone al Parlamento di raccomandare al Popolo e ai Cantoni di rifiutare l'iniziativa senza opporle un controprogetto, diretto o indiretto.

La consigliera federale
La consigliera federale Simonetta Sommaruga
(Foto: Martina Rieder)

Simonetta Sommaruga

Il 22 settembre 2010 l’Assemblea federale plenaria ha eletto Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Dal 1° novembre 2010 è a capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP). Nel 2015 è stata presidente della Confederazione.

Domande e risposte
Formazione professionale nel DFGP